Comincia il Ramadan (che in Turchia si chiama Ramazan)

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Per il secondo anno, eccomi in Turchia durante il mese sacro del Ramazan, che nel resto del mondo si chiama Ramadan! Di che cosa si tratta?

Vediamo di capire meglio in che cosa consiste questo periodo dell’anno così importante e particolare, quando e come si celebra.

Il mese sacro del Ramadan è considerato propizio per i musulmani di tutto il mondo: è un mese di digiuno riflessione e carità. Le moschee si vestono di luci speciali e scritte inneggianti il Ramazan.
Si celebra il giorno dopo la luna crescente del 9° mese lunare del calendario islamico. I credenti di fede musulmana saranno tenuti a osservare un digiuno per 30 giorni a partire dall’avvistamento della luna nuova, fino alla luna nuova del mese successivo.

L’Islam utilizza un calendario lunare (dove ogni mese inizia con la luna nuova) che di è circa undici giorni più corto rispetto al calendario solare. Pertanto, le festività islamiche “slittano” ogni anno, proprio come la Pasqua nel mondo cattolico. Nel 2012 il Ramadan inizia il 20 luglio.
L’Oruç (il digiuno) è uno dei cinque pilastri dell’Islam ed è obbligatorio per tutti gli uomini adulti e donne musulmani, tranne gli infermi, i malati, le madri dei malati, le donne in stato interessante e le persone afflitte da disturbi dell’alimentazione.
Il digiuno significa essenzialmente smettere di mangiare e bere dall’alba al tramonto: con l’alba si calcola circa un’ora prima del sorgere del sole, mentre il tramonto è il momento di “chiamata alla preghiera serale” dell’Imam. Sahur è il pasto del mattino presto, consumato prima che sorga il sole.
I Davulcusu (batteristi del Ramadan) sono si tamburellatori che hanno il compito di svegliare le persone in giro per i quartieri: girano in città (e sotto le nostre finestre) già da qualche settimana, come vi raccontavo anche l’anno scorso.

Cosa succede in città durante il Ramazan?

Alcuni ristoranti sono chiusi durante il giorno e la maggior parte dei ristoranti non servono bevande alcoliche durante questo mese: a Taksim e nelle aree moderne e turistiche di Istanbul si noterà appena. In altre aree e distretti della città, più tradizionali e legati all’Islam, sarà molto più evidente.
Nei supermercati già da un paio di giorni hanno cominciato a vendere il “Ramadan pack”, tutto il necessario per organizzare il pasto mattutino durante questo mese.
Da non perdere la tradizionale rassegna “Jazz in Ramadan“, ottima musica in location straordinarie: info e biglietti su Biletix.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.