I 10 cibi che devi assaggiare assolutamente

Mi raccomando, iscrivetevi tutti alla pagina del blog su Facebook: Istanbul, Europa

Se siete di passaggio qui ad Istanbul vi consiglio prima di tutto di fidarvi e lasciarvi sorprendere dalla cucina turca, non fatemi fare brutta figura andando a cercare del cibo italiano, mi raccomando!

La cucina turca trae ispirazione da quella ottomana ovviamente: un mix di Asia, Mediteranneo, Medio Oriente, Balcani e Caucaso.

Vi ho incuriosito eh?

Ora vi segnalerò, tra i piatti tipici, quelli che vale veramente la pena di assaggiare, ovviamente secondo il mio gusto. Si potrebbe fare una lista infinita e ho dovuto dibattere con me stessa per limitarmi ad inserirne dieci e scegliere quali inserire: ardua scelta!

Non vi preoccupate perchè li troverete un po’ ovunque in città, sono veramente piatti comuni, vi basterà segnarvi i nomi di queste prelibatezze!

1 – Adana kebabı: piatto di carne macinata e poi grigliata servito con verdure e a volte anche riso. Mi raccomando non confondetelo con il dürüm kebabı. In generale, il kebabı (kebab) in Turchia è un piatto di carne, non è  né la piadina né il panino che ci aspetteremmo visto quello a cui siamo abituati in Italia. Attenzione: è un piatto piccante, quindi nel caso potete optare per l’Urfa kebabı che è la stessa cosa senza il piccante.

2 – Çiğ Köfte: piatto di carne cruda che viene dalla cucina turca e armena. Solitamente realizzato sia con carne di manzo che di agnello, viene soprattutto servito come antipasto. A me piace chiamarla:” la tartare turca”, secondo me vi rende abbastanza l’idea. Qui state molto attenti a non comprarli ovunque, in baracchini o postacci, ma in ristoranti che vi ispirano fiducia e pulizia, si tratta pur sempre di carne cruda. Un po’ come se doveste scegliere un sushi bar, verificate la freschezza prima di tutto.


3 – Dolma: piatto tipico della cucina levantina, e di tutte quelle aree comprese nell’ex Impero Ottomano. Si tratta di verdure ripiene di carne macinata, riso e salsa pomodoro (non a caso dolma in turco significa “ripieno”). La mia versione preferita è quella realizzata con i peperoni, ne sono ghiotta, devo sempre darmi un limite. Fate attenzione a non confonderli con i Sarma.

4 – Yaprak sarması: foglie di vite ripiene di carne. Anche questo è un piatto che deriva dalla tradizione dell’ex impero ottomano. Ne esiste una versione vegetariana con riso, il falso sarma: Yalancı Dolma. Attenzione: siccome si tratta sempre di verdure ripiene, molto spesso vengono tutti chiamati dolma. Ma per capirci è meglio sapere i loro nomi originali, tanto a vista non avrete problemi a distinguerli.

5 – Ali Nazik: versione di kebab fatto in casa tipica di Gaziantep, la città più grande dell’Anatolia sud-orientale. Si tratta di una sorta di purea di melanzane affumicate e speziate, aglio, e agnello a cubetti impanato e marinato servito con riso e verdure grigliate. Ho chiamato la suocera per farmi spiegare bene la ricetta, vediamo se sarò in grado di preparlo da sola…

 

6 – Börek: torta, tortini e sigari salati ripieni di patate, o spinaci, o formaggio, o carne. Vi sono diverse varianti a seconda della regione di provenienza, ma sono buoni in tutte le salse. Vengono realizzati con la speciale pasta sfoglia turca, la yufka: è sottilissima, arrotolata e spalmata di giallo d’uovo sbattuto. Spesso trovate questo nome accompagnato da un altro termine, per indicare la forma o la provenienza, come per esempio: sigara böreği (per la forma somigliante ad un sigaro), kol böreği (“a forma di braccio”, perché leggermente piegato al centro), talaş böreği (“a pezzettini“), Tatar böreği (“tartari”) o Sarıyer böreği (“di Sarıyer“).

7 – Türlü: piatto di verdure miste cucinate con un po’ di aglio, olio e sughettino di concentrato di pomodoro. La versione migliore è quella accompagnata da bulgur pilavı, che non è né cous cous nè riso, ma costituito da frumento integrale e grano duro germogliato; il tutto subisce poi una lavorazione particolare poichè i chicchi di frumento vengono cotti al vapore e fatti seccare, poi vengono macinati e ridotti in piccoli pezzetti. Potete trovare la versione di türlü anche non vegetariana, con carne. Non è un piatto specialissimo, ma molto buono e perfetto come contorno da accompagnare a tanti diversi piatti di carne.

8 – Mantı: i cosidetti tortellini turchi. Il ripieno è fatto di carne macinata, cipolla e prezzemolo; il tutto viene poi condito con aglio, yogurt, burro sfuso e spezie (soprattutto menta, origano e peperoncino, spesso anche usati tutti e tre insieme). Deliziosi, e anche divertenti da cucinare a casa! Mi raccomando non li chiamate pasta perchè in turco significa torta. La nostra pasta loro la chiamano makarna, ma i mantı non vengono considerati in questa categoria.

 

9 – Tarhana çorbası: in generale le zuppe qui sono un must, e le adoro tutte, ma questa è la più tipica. Si tratta di una zuppa preparata con farine fermentate insieme a yogurt, verdure e spezie; il tutto viene essicato e si ottiene una simpatica polverina che poi si cucina con acqua o latte e mi raccomando, non si smette mai di girare (quante minacce che ho preso ogni volta che mi distraevo!)

 

 

10 – Karnıyarık: melanzane farcite con cipolla, aglio, prezzemolo, pomodori, peperoni e carne macinata. Oltre ad essere veramente delizioso, mi piace anche come lo servono: tagliano le melanzane come fossero delle barchette, e sopra ci mettono una fetta di pomodoro e un peperone per dargli quel tocco artistico.

Se tutti questi piatti li accompagnate ad un buon Ayran (bevanda a base di yogurt, acqua e sale veramente dissetante e salutare) e quintali di pane fresco, sarete dei Turchi DOC!

Insomma, un bel 10 e lode ai turchi per come si trattano bene in fatto di mangiare!

 

Precedente Le bevande di Istanbul, tè e tisane Doğadan Successivo I musei di Istanbul, il Museo di arte contemporanea Elgiz

2 commenti su “I 10 cibi che devi assaggiare assolutamente

  1. ADRIANA FANTUZZO il said:

    Grazie per tutte le informazioni. La ragazza di mio figlio è turca di Istanbul e questo sito mi è particolarmente utile per farla sentire a suo agio.
    Ama molto la cucina italiana ,ma ritengo importante ogni tanto farla sentire a casa sua.

    • Giuseppe Mancini il said:

      considera però che le abitudini cambiano molto a seconda della regione/città/villaggio di provenienza – la maggior parte della popolazione di Istanbul è immigrata – e delle condizioni socio-economiche…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.