Cultura ebraica a Istanbul

Io e Ayşegül abbiamo approfittato della “Giornata della cultura ebraica” – ieri – per tornare alla sinagoga e al centro culturale di Neve Şalom, a pochi metri dalla torre di Galata. C’eravamo stati alcuni anni fa per un’occasione molto più solenne, per il matrimonio di una sua amica: e ne avevamo approfittato per una piccola esplorazione, oltre che per scoprire aspetti culturali e cultuali conosciuti solo attraverso i libri.

LEGGI ANCHE: Istanbul ebraica e la famiglia Camondo

Neve Şalom è la più recente e la più grande delle sinagoghe di Galata (è stata inaugurata nel 1951), quella più importante per la comunità ebraica di Istanbul che conta circa 20.000 persone; è purtroppo anche famosa per l’attentato con camion bomba del 2003, opera di al-Qaeda.

LEGGI ANCHE: Il museo ebraico del Cinquecentenario a Galata

La giornata di ieri – dalle 10 alle 18 – è stata molto ricca e piacevole: mostre fotografiche, presentazioni di libri, concerti, presentazioni di libri, uno spettacolo di danze tradizionali a cui non abbiamo però assistito, pranzo a base di specialità locali e dolci tipici. C’era parecchia gente, con evidente mescolanza religiosa.

LEGGI ANCHE: La sinagoga e centro culturale Schneidertempel, a Galata

Della nostra visita precedente ricordavo – nel centro culturale che è un tutt’uno col luogo di culto – vecchie foto alle pareti e ritagli dei quotidiani in giudeo-spagnolo. Gli ebrei di Turchia, nonostante si siano insediati in Anatolia sin da epoca pre-romana, sono infatti in prevalenza sefarditi: espulsi dalla Spagna della Reconquista nel 1492, accolti nell’impero ottomano (soprattutto a Salonicco).

LEGGI ANCHE: La (nuova) grande sinagoga di Edirne

Al loro posto abbiamo trovato un museo vero e proprio: un museo moderno – più moderno, interattivo – che offre un nuovo allestimento a tutti gli oggetti fino a due anni fa ospitati nella non lontana sinagoga del Cinquecentenario.

LEGGI ANCHE: I cimiteri di Istanbul, la valle degli usignoli

Il museo del giudaismo, aperto in forma per l’appunto rinnovatissima lo scorso anno, ha un impianto sia cronologico sia tematico: da una parte, racconta la lunga storia (si integrazione, mai di persecuzione) degli ebrei in Turchia; dall’altra, illustra gli aspetti religiosi e culturali – riti di passaggio, cucina, lingua – della comunità.

LEGGI ANCHE: I quartieri di Istanbul, Kuzguncuk

Spero di poterci tornare quanto prima per una visita con più calma, così da potervene poi parlare in modo approfondito.

Precedente Come comportarsi con un ospite turco Successivo Impressioni da lontano: gli acquarelli di Luigi Mayer

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.