A pranzo da Divan Beyoğlu (con Giancarlo Gottardo)

DivanGiancarlo08

Vi ho già parlato tempo fa del ristorante Divan Beyoğlu, che consiglio anche per la vista spettacolare – dalla terrazza di Istiklal caddesi – sul Bosforo e sulla sponda asiatica di Istanbul; poi sui ristoranti della Divan, coordinati dall’executive chef Giancarlo Gottardo, ho scritto un bell’articolo per mettere in risalto i legami tra cucina e cultura (alcuni si trovano all’interno degli spazi museali e culturali del gruppo Koç, di cui fanno parte). Non vi ripeto quanto ho già scritto, i miei articoli e interventi precedenti potete leggerli seguendo i link qui sotto:

LEGGI ANCHE: Il ristorante in terrazza del Divan Beyoğlu

LEGGI ANCHE: The Divan Group’s culinary experience

LEGGI ANCHE: Natale alla pasticceria Divan di Istanbul

LEGGI ANCHE: A cena da Eataly con Giancarlo Gottardo

LEGGI ANCHE: Maromi a Istanbul, la cucina (giapponese) che diventa arte

LEGGI ANCHE: Café du Levant, il bistrot parigino di Istanbul

Qualche giorno fa l’amico Giancarlo mi ha però invitato a provare il nuovo menù – con poche variazioni, lo stesso per tutti i pub e brasserie di Divan – a cui ha lavorato per vari mesi: già la scorsa estate mi aveva infatti annunciato grandi novità e una svolta nel segno dell’italianità, ma poi esigenze commerciali – la cucina proposta è di tipo “mediterraneo” in senso largo, con attenzione anche per le tradizioni turche – hanno fatto optare per maggior continuità col passato. Vi mostro le foto della nostra ampia degustazione: tutto di grande qualità e con molte allettanti soprese negli accostamenti e nei colori (non esagerate però nell’ordinare: le porzioni sono molto generose, i sapori più carichi rispetto alle tendenze prevalenti in Italia). Nell’ordine: asparagi grigliati con gruviera di Kars e uova di quaglia, cocktail di mare con erbe mango e avocado, sicilianissime penne alla Norma, risotto con asparagi e zafferano, spigola con accompagnamento di panzanella, filetto con contorni vari (tra cui porcini), Reuben sandwich direttamente da New York, per finire spuma di pannacotta allo zenzero con litchi cinese e puré di mango (che ho messo in “copertina”).

DivanGiancarlo01
DivanGiancarlo02
DivanGiancarlo03
DivanGiancarlo04
DivanGiancarlo05
DivanGiancarlo06
DivanGiancarlo07

Precedente Le chiese di Istanbul, Notre Dame du Rosaire Successivo Il terzo ponte sul Bosforo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.