Come deve vestirsi una donna ad Istanbul?

Il punto è sempre lo stesso (e scusatemi se sono ripetitivo): perché qualcuno deve sentire l’esigenza di cercare informazioni, coi motori di ricerca del web, su come deve/dovrebbe vestirsi una donna a Istanbul? Non in generale, cosa che potrebbe far pensare a considerazioni sul meteo: ma le donne, solo le donne!

LEGGI ANCHE: Lucia Goracci e le donne nere

Dico: ma chi si metterebbe mai a cercare su Internet come deve/dovrebbe vestirsi una donna a Parigi, a Londra, a Berlino, a New York, a Tel Aviv? Perché questa attenzione speciale e morbosa per Istanbul?

LEGGI ANCHE: Erdoğan, l’8 marzo e le donne turche

Non sarà forse questo il risultato del bombardamento mediatico sulla cosiddetta “islamizzazione”, sulle donne “velate”, sulle donne col burqa (in realtà, turiste arabe in niqab), sulla Turchia “come l’Iran” o “come l’Arabia saudita”? E ripeto: non si può fare nulla per fermare o almeno contrastare questo fastidioso e distruttivo fenomeno?

LEGGI ANCHE: Erdoğan, le donne turche e Facebook

In ogni caso, la risposta è: vestitevi assolutamente come vi pare, come vi vestireste in qualsiasi altro posto del mondo (fermo restando il fatto che – a Istanbul, come a Roma o a Milano – andare in giro in modo poco dignitoso finisce con l’attirare attenzioni non sempre gradite). E no: NON ci sono restrizioni di alcun tipo!

Precedente Il New York Times, Roma e Istanbul Successivo Le spose bambine e l'agenda segreta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.