Crea sito

FETÖ in Italia e la propaganda a mezzo stampa

FETÖ

Un importante quotidiano italiano ha dedicato tutto un articolo alla situazione difficile che vivono dei gülenisti che vivono in Italia, a causa delle burocrazia turca. Sono ovviamente cittadini turchi, con regolare permesso di soggiorno; e sono gülenisti dichiarati, non “accusati di”.

Per chi non lo sapesse, spiego sinteticamente chi sono i gülenisti. Sono i seguaci del predicatore Fehtullah Gülen, che vive da due decenni negli Usa: e che in buona sostanza ha fondato un movimento religioso attivo però anche in politica, nelle istituzioni, nella società, nel dialogo inter-religioso. Al movimento facevano capo scuole, università, giornali, riviste, tv.

LEGGI ANCHE: La stampa italiana e il golpe in Turchia

I gülenisti, prima vicini al governo turco, si è scontrato con il presidente Erdoğan e hanno tentato di rovesciarlo: utilizzando i magistrati parte del movimento per arresti pilotati, orchestrando campagne di demonizzazione contro i vertici delle istituzioni, organizzando il sanguinoso colpo di Stato del 15 luglio 2016.

A differenza da quanto riportato erroneamente nell’articolo, non è che Gülen “viene considerato da Ankara” l’ideatore del golpe: cioè, non si tratta di un’accusa buttata lì secondo simpatie e antipatie. Ormai, si sono tenuti processi con centinaia di condanne definitive: e a esser stati condannati, prove concrete alla mano, sono degli esponenti del movimento.

LEGGI ANCHE: Il golpe fallito in Turchia (su Aspenia)

Dopo il colpo di Stato – ricordo: con 251 vittime – la Turchia ha smantellato tutta l’organizzazione, utilizzando sistemi anche sbrigativi: cioè, ha chiuso scuole e organi di propaganda e ha licenziato i gülenisti che lavoravano nel settore pubblico. Sono formalmente conosciuti come Fetullahçı Terör Örgütü o FETÖ: cioè, “Organizzazione terroristica dei seguaci di Fehtullah” (in realtà sono un’organizzazione eversiva, non terroristica).

Ora, è anche vero che possono essersi riscontrati dei casi personali difficili, che riguardano certificati e documenti (o persino registrazione all’anagrafe di neonati): ma come si fa a presentar costoro come vittime, senza un minimo di contestualizzazione? Senza per l’appunto parlare delle vittime del golpe, del Parlamento di Ankara bombardato, della continua opera di demonizzazione contro la Turchia?

LEGGI ANCHE: Il golpe del 15 luglio a piazza Taksim

Poi, fortunatamente siamo in uno Stato di diritto: quindi se hanno ragione – alcuni hanno chiesto asilo politico – i loro diritti verranno riconosciuti. Quello che non capisco, invece, è questa posizione folle che presenta i membri di un movimento eversivo – ripeto: un movimento che ha organizzato un golpe con 251 morti – come vittime quasi sacrificali di chissà quale governo malvagio e spietato.

Anzi, l’empatia manifestata da chi ha scritto questo articolo risulta fuori luogo, fastidiosa, per nulla rispettosa: per nulla rispettosa di chi in Turchia è stato massacrato. Perché costoro non hanno preso le distanze? Nessuno gli ha impedito di lasciare FETÖ, no?

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa
https://twitter.com/IstanbulEuropa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.