Gli italiani di Istanbul, il cinema di Federico Fellini (e Casanova)

Sto preparando i bagagli (più che altro libri e doni), sono ancora in Italia ma domani torno a Istanbul: e proprio domani – giovedì 10 ottobre – si apre al museo di Pera un’interessante rassegna dedicata al cinema di Federico Fellini, dopo quella di aprile/maggio in cui il protagonista è stato invece Michelangelo Antonioni. Anzi, aggiungendo le numerose proiezioni periodicamente e direttamente organizzate dagli istituti italiani di cultura di Istanbul e Ankara si ha un po’ l’impressione di un’Italia di attori, registi e cinematografari. La chiave di lettura è: “Fellini come Casanova” (il titolo esatto: “Un Casanova del cinema: Fellini”); il nesso ideale tra i due personaggi non è però particolarmente evidente e del resto Il Casanova di Federico Fellini – girato nel 1976, in lingua inglese – non è di certo la sua opera più nota (confesso di non averlo ancora mai visto): la clamorosa assurdità è però che il film che dà praticamente il titolo alla rassegna non è inserito nel programma (ne esiste ovviamente una versione doppiata in italiano)!

LEGGI ANCHE: Gli italiani di Istanbul, il cinema di Michelangelo Antonioni

LEGGI ANCHE: Orizzonti italiani 2013

Ad ogni buon conto, questo è il calendario completo – dal 10 ottobre al 3 novembre – imperniato su nove conosciutissimi:

giovedì 10 ottobre
ore 19 – Roma

venerdì 11 ottobre
0re 19 – I vitelloni

sabato 19 ottobre
ore 14 – La dolce vita
ore 17.30 – Giulietta degli spiriti

sabato 26 ottobre
ore 13 – Le tentazioni del dottor Antonio
ore 14.30 – Ginger e Fred
ore 17 – Tre passi nel delirio

domenica 27 ottobre
ore 13 – Lo sceicco bianco
ore 15 – Tre passi nel delirio
ore 17.30 – I clowns

mercoledì 30 ottobre
ore 19 – Lo sceicco bianco

venerdì 1° novembre
ore 19 – Ginger e Fred

sabato 2 novembre
ore 14 – Giulietta degli spiriti
ore 17 – I clowns
ore 19 – Roma

domenica 3 novembre
ore 13 – Le tentazioni del dottor Antonio
ore 14.30 – La dolce vita
ore 18 – I vitelloni

La rassegna si tiene integralmente nell’auditorium del museo di Pera, il costo del biglietto d’ingresso è di 5 lire turche (poco meno di due dollari); tutti i film sono in lingua originale italiana, con sottotitoli in turco.

Chiudo con un’ulteriore frecciata critica – e nelle mie intenzioni avvelenata – nei confronti dell’Istituto italiano di cultura di Istanbul: ma è mai possibile che, pur se l’evento è realizzato “in collaborazione” con l’Iic, il materiale informativo è esclusivamente in inglese e turco? Costava troppo tradurre e pubblicare due paginette anche nella nostra lingua? Che disastrosa miopia!

Una risposta a “Gli italiani di Istanbul, il cinema di Federico Fellini (e Casanova)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.