Guide turistiche e pregiudizi sulla Turchia

Sightseeing
E’ mia profonda convinzione – suffragata da fatti, ovviamente (me ne hanno raccontate di tutti i colori!) – è che a contribuire al radicamento di forti pregiudizi sulla Turchia, oltre a media islamofobi e tour operator orientalisti, ci siano spessissimo anche le guide turistiche turche: che sfruttano la ghiottissima occasione per fare proselitismo politico, ovviamente in funzione anti-governativa (dico: e la professionalità? figuriamoci…).

Ulteriore prova, questo commento su Facebook a un articolo di Internazionale:

Sono stato in Turchia, le guide turistiche che hanno studiato in Italia ci lanciavano messaggi di aiuto” (cioè, facevano credere che la Turchia è un paese governato da un dittatore, preda della cosiddetta “islamizzazione” e sull’orlo della guerra civile: e tutto ciò solo perché hanno idee politiche diverse, da 13 anni a questa parte regolarmente battute alle elezioni).

Insomma, NON fidatevi di cosa raccontano queste guide; anzi, magari affidatevi a proposte alternative per scoprire le zone meno conosciute e più affascinanti di Istanbul e della Turchia.

Precedente Barbara Spinelli e il "genocidio dei curdi" Successivo La Turchia, l'Unione europea, l'Ansa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.