Nei cunicoli di Hagia Sophia a Istanbul

Hagia Sophia

(già pubblicato nel numero di ottobre 2020 de Il Giornale dell’Arte)

Prima di essere riaperta. al culto islamico, lo scorso 24 luglio, la chiesa e poi moschea di Hagia Sophia ha attratto ricercatori di tutto il mondo. Nel corso di un convegno di fine settembre, tenuto proprio nella città sul Bosforo, sono stati presentati i risultati di un progetto internazionale sui sistemi di costruzione impiegati nella basilica poi divenuta moschea, a cui ha partecipato anche l’Università della Calabria.

LEGGI ANCHE: Le catacombe sotto Ayasofya (Santa Sofia)

Tra i vari interventi, quello del professor Hasan Diker ha evidenziato un aspetto molto originale: lo studio dei cunicoli sotterranei dell’edificio, scannerizzati con un sistema tridimensionale.

LEGGI ANCHE: Scoperte archeologiche ad Ayasofya

Il team turco, che fa capo all’ateneo Fatih Sultan Mehmet di Istanbul, ha sfruttato le chiusure settimanali dell’allora museo per introdursi con attrezzature da speleologi in 900 metri di percorsi impervi che avvolgono la struttura, a volte ostruiti da secoli.

LEGGI ANCHE: Ayasofya è di nuovo una moschea

I tunnel di Hagia Sophia offrivano un ingegnoso sistema di ventilazione, un antidoto all’umidità. La proposta è quella di restaurarli e ripristinarli: i condizionatori non sarebbero così più necessari.

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa

Precedente Gli orribili graffiti di Istanbul (e il verde distrutto) Successivo Taksim, un progetto scelto col voto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.