Crea sito

L’harem del palazzo ottomano di Topkapı (restauri 2020)

Harem

(Mio articolo in uscita per Il Giornale dell’Arte di febbraio 2021 sulla riapertura di alcuni ambienti dell’harem di Topkapı, per ovvie ragioni – il fascino del proibito, le meravigliose decorazioni – uno dei luoghi più amati dai turisti. I lavori iniziati nel 2014 però proseguono al suo interno, da quello che sono riuscito a sapere ci vorranno almeno un altro paio di anni prima della conclusione definitiva. Sul blog non trovate tutto l’articolo, ma solo una parte: quella in cui descrivo i tre ambienti riaperti al pubblico.)

[…]

Il cortile della Regina madre (o Valide), la Sala del caminetto, la Sala della fontana sono tra gli ambienti più rappresentativi anche in termini architettonici e decorativi del periodo tra il XVI e il XIX secolo.

LEGGI ANCHE: I viaggi nel favoloso Oriente di Attilio Brilli

Il cortile è il punto centrale di tutto l’harem: è dotato di colonnato, è circondato da edifici a due piani che richiamano le tipiche abitazioni anatoliche; le pareti in pietra sono rivestite di maioliche di varie epoche. Il cortile conduce, dal lato verso il Corno d’oro, all’appartamento della Valide e all’hamam del Sultano. I restauri hanno interessato sia le strutture – comprese le cupole e le volte – sia i rivestimenti.

LEGGI ANCHE: Oriente islamico e arte occidentale

La Sala del caminetto prende il nome da quello più grande dell’harem, in bronzo; risale al XVII secolo, è coperta da una cupola, è decorata con maioliche colorate e disegni geometrici, ha porte con intarsi di madreperla e avorio. Da qui si passava per l’appartamento del Sultano, attraverso la Sala della fontana: una sorta di anticamera – dotata per l’appunto di una splendida fontana a parete, in marmo – dove aspettavano, prima di essere ammessi al cospetto del sovrano, sia i principi reali sia le concubine; è interamente rivestita di maioliche.

[…]

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa
https://twitter.com/IstanbulEuropa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.