Hasankeyf e il suo nuovo museo archeologico

Hasankeyf

Di Hasankeyf ho già parlato altre volte: la cittadina e sito archeologico sulle rive del Tigri che verrà sommersa nei prossimi mesi, dopo l’entrata in funzione di una grande diga.

Hasankeyf è diventata l’ennesimo pretesto per fare propaganda contro la Turchia: perché mentre i grandi organi d’informazione internazionali ignorano sistematicamente le scoperte straordinarie e incessanti in decine e decine di siti archeologici turchi, poi si concentrano ossessivamente su questo che verrà sommerso (parlando tra l’altro a sproposito di “distruzione”).

LEGGI ANCHE: Hasankeyf, sommersa e salvata

In un articolo per Il Giornale dell’Arte, ho spiegato che in realtà i più importanti monumenti di Hasankeyf sono stati spostati e quindi in ogni caso salvati, che la cittadella sull’altura tornerà a essere visitabile e sarà raggiungibile in battello, che i lavori per la costruzione dell’invaso hanno permesso scavi archeologici in tutta l’area, che è stato costruito un museo per ospitare vecchi e nuovi reperti (e per raccontare la storia millenaria di questa località).

Scrivevo, a settembre:

[…]

se molte strutture come i piloni superstiti del ponte medievale verranno sommerse e se gli scavi archeologici dovranno essere abbandonati, i monumenti più rappresentativi, un hamam del ’300, il mausoleo di Zeynel Bey del ’400, una moschea e una scuola coranica, vengono trasportati al sicuro.

Trovano posto nel parco all’aperto del nuovo museo, costruito nel nuovo villaggio a una quota più alta che ospiterà gli abitanti del vecchio Hasankeyf (la distanza è di 5 km), in cui sono esposti anche gli oggetti rinvenuti durante i lavori per la diga.

[…]

Del museo di Hasankeyf sono adesso in grado di aggiungere qualche foto scattata dall’agenzia di stampa turca Anadolu, dopo che il museo è entrato definitivamente in funzione. Certo, si può criticare l’impostazione museografica che appare antiquata: ma io non vedo alcuna distruzione, in ogni caso un giornalista professionale e capace che scrive di Hsankeyf dovrebbe dar conto almeno dell’esistenza di questo nuovo museo.

Hasankeyf

Precedente Nusretiye, la moschea della raffinatezza ottomana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.