I festival di Istanbul, Hıdrellez 2013

Uno dei grandi vantaggi di vivere a Istanbul – al di là del Bosforo e del dinamismo economico della città – è la costante immersione in un calendario molteplice: segnato di volta in volta dalle feste della Repubblica e di quelle di molteplici confessioni religiose. Un esempio per tutti, la Pasqua: che quasi ogni anno è duplice, quella cattolica e quella ortodossa che quest’anno cade il 5 maggio. Ma il proprio il 5 maggio di festa ce n’è un’altra e di origini pagane: l’Hıdrellez che segna – soprattutto per le comunità dei gitani – l’arrivo della primavera e che prima della riforma gregoriana del calendario coincideva con la festa invece cristiana di San Giorgio (il pellegrinaggio a Büyükada del 23 aprile, in effetti, è un ibrido tra le due).

LEGGI ANCHE: Il pellegrinaggio di San Giorgio a Büyükada, 23 aprile

Gli appuntamenti che vi consiglio per quest’anno – ma ce ne sono anche in altri quartieri – sono due: la festa popolare ad Ahırkapı vicino a Sultanahmet e il vero e proprio festival musicale al Parkorman. Per la prima, l’appuntamento è nel piazzale di fronte ad Ayasofya per le 16: da lì, tutti insieme, ci si sposterà nel piazzale di Ahırkapı (dove personalmente non sono mai stato). Gli organizzatori ne affermano l’importanza anche identitaria, in un contesto generalizzato di “trasformazioni urbane”: la bonifica e il recupero di vecchi quartieri in stato di terrificante degrado, che hanno come effetto collaterale l’espulsione delle comunità – spesso gitane – che vi sono insediate. Ad Ahırkapı si ballerà e canterà – con degli straordinari gruppi di musica tradizionale – fino alle 23; cibi e bevande potranno essere acquistate direttamente dai commercianti locali: e subito dopo la festa, i partecipanti sono chiamati a una pulizia generale – sempre nella massima allegria – perché comunque si tratta di una zona normalmente abitata.

Di tutt’altro genere, invece, il festival del 4 e 5 maggio: musica di qualità, ma ingresso a pagamento (costo: 30 lire turche, poco meno di 15 euro; apertura dei cancelli: ore 12). Questa la lista degli artisti, di cui conosco solo Can Bonomo (una mia amica è la sua manager, ha partecipato l’anno scorso all’Eurovisione): il 4 maggio, Brooklyn Funk Essentials, Can Bonomo, Suzan Kardeş, Figli di madre ignota, Oryantal Firuze ve Sulukule Roman Ekibi, Luxus, Babbutzi Orkestar, Ödül ve Funk Alaturka, Taka Tuka, Dünyanın Kanunu; il 5 maggio, Baba Zula, Balık Ayhan, La fanfare en Petard (francesi), Ahırkapılı Pire Mehmet ve Roman Orkestrası, Alternatif Sahne, Kolektif İstanbul, Hakan Vreskala, Velvele, Eski Bando, Come Again. M’interessa soprattutto la festa di Ahırkapı, spero di riuscire ad andarci.

Precedente C'era una volta in Anatolia, Denizli Successivo Le mostre a Istanbul, Le 1001 facce dell’orientalismo

5 commenti su “I festival di Istanbul, Hıdrellez 2013

  1. Pingback: Istanbul, Europa: I festival di Istanbul, Hıdrellez 2013 | Istanbul, Avrupa

  2. Marco il said:

    Caro Giuseppe, scusami, poiché mi trovo qui ad Istanbul e mia moglie mi dice che ha ricordi lontani della sagra gitana Hıdrellez … mi piacerebbe andarci. Mi sai indicare dove si tiene? Graziee, un saluto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.