I libri su Istanbul, la casa editrice Isis

Sì, ho pensato di parlare – con calma, nel corso del tempo – di libri coinvolgenti e interessanti su Istanbul e sulla Turchia: prevalentemente romanzi, ma anche libri “accademici” di storia e antropologia; penso sia utile offrire qualche segnalazione mirata: in ogni caso non farei troppo affidamento – salvo rare eccezioni – su libricini divulgativi sull’attualità, in libreria in Italia se ne trovano di agghiaccianti. In questo primo post di una serie che si annuncia praticamente interminabile, vi parlerò però di altro: di una casa editrice, la Isis.

LEGGI ANCHE: Tutti gli architetti e gli ingegneri italiani di Istanbul

Conosco personalmente il suo fondatore e direttore, Sinan Kuneralp: e una volta sono andato a visitare la sede dalle parti di Ümraniye, una collina sul Bosforo dalle parti di Üsküdar (erano i miei primissimi tempi in Turchia, più di due anni fa: non conoscendo il turco, quando mi persi per farmi spiegare la strada da un gentilissimo passante… mi feci fare un disegno!).

La Isis pubblica libri “impegnati”: lavori originali nelle discipline storiche, antropologiche, sociologiche. Di particolare interesse, le raccolte di documenti diplomatici ottomani spesso curati direttamente da Kuneralp: sono in francese, i funzionari del ministero spesso provenivano dalle minoranze non musulmane; e tutti gli altri volumi pubblicati – monografie, tesi di dottorato, atti di convegni, ristampe – sono in inglese, in tedesco, anche in italiano: in turco, poco o nulla.

Il catalogo racchiude delle vere chicche: e non c’è il problema di libri eventualmente esauriti, si stampano tutti on demand. Io ho alcune raccolte di documenti diplomatici, sulla guerra del 1911-1912 per la Libia tra l’Italia allora ottomana e sull’unificazione; oppure quelli di Alessandro Pannuti – un ricercatore italo-francese – sulla comunità italiana di Istanbul nel XIX e XX secolo.

Ho sicuramente in programma di rileggere attentamente, prima o poi, Christianity and Islam under the Sultans di Hasluck, che affronta il tema per me affascinantissimo  dei cristiani convertiti all’islam che rimasero segretamente cristiani (ristampa del 2000 dell’edizione del 1929). Altri spunti, uscite recenti: La communauté levantine levantine de Costantinople di Rinaldo Marmara e The Musican Mehters di Mehmet Ali Sanlikol (con cd musicale allegato).

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa

Una risposta a “I libri su Istanbul, la casa editrice Isis”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.