I ristoranti di Istanbul, Kadı Nimet Balıkçılık

I ristoranti di pesce a Istanbul non mi hanno mai particolarmente entusiasmato: un po’ perché la scelta è spesso limitata e orientata particolarmente sul grigliato (ce lo possiamo fare benissimo a casa, grigliato), un po’ perché – soprattutto quelli più eleganti, con vista Bosforo – hanno prezzi osceni. La tradizione è di mangiare meze – chiamiamoli pure antipasti – e pesce ben innaffiati da rakı, in subordine da vino: ma già gli alcolici costano uno sproposito in Turchia, poi coi rincari esagerati ti trovi a pagare più per le bevande che per il cibo.

Ce n’è però uno che mi sento di consigliare: si trova nel bel mezzo del mercato di Kadıköy, risponde al nome di Nadı Nimet Balıkçılık. Ha tavoli all’aperto e si trova in un angolo, lo si localizza facilmente. I pregi: niente sovrattasse per la posizione sul mare, che infatti non c’è; diversificazione estrema del pescato, con proposte allettanti anche per le meze; servizio essenziale ma impeccabile. Come dicevo, ci sono tavoli all’aperto (non particolarmente comodi, ma si respira l’atmosfera del mercato): si può anche mangiare all’interno o sulla terrazza; al ristorante vero e proprio è associato un banco del pesce: lo si può comprare per mangiarselo a casa, lo si può scegliere e farselo preparare – anche solo quello – per mangiarselo sul posto, al costo aggiuntivo di 7 lire turche (neanche 3 euro).

LEGGI ANCHE: Itinerario n°2 – Da Kadıköy a Moda

LEGGI ANCHE: Le pasticcerie di Istanbul, Cafer Erol

LEGGI ANCHE: Le chiese di Istanbul, Sant’Eufemia di Kadıköy

Le meze sono ad ampio raggio: io prediligo soprattutto il pesce marinato, ma ci sono altre specialità più tradizionali a base di verdure (sorprendente il carciofo all’arancia). E poi, pesce di ogni tipo, più o meno pregiato: alla griglia o fritto; l’ultima volta, ad esempio, ci hanno orientato sul pesce san Pietro (dülger, in turco): e poi varie fritture di pesci locali, notevoli perché leggerissime (e insieme alle quali va benissimo anche la birra, Carlsberg alla spina). Buonissimo anche lo stufato di gamberi, cotti nel burro insieme ad aglio e pomodori. Ulteriore specialità, il dessert: l’helva, a base di sesamo, che conclude ogni scorpacciata di pesce che si rispetti. I prezzi sono abbordabili, poi dipende da cosa si sceglie: diciamo che il prezzo medio di un pasto è sui 15 euro, bevande escluse.

Kadı Nimet Balıkçısı
Serasker Caddesi, N° 10/A, Kadıköy

Precedente Istanbul in 3D Successivo I quartieri di Istanbul, Arnavutköy

4 commenti su “I ristoranti di Istanbul, Kadı Nimet Balıkçılık

  1. Pingback: Istanbul, Europa: I ristoranti di Istanbul, Kadı Nimet Balıkçılık | Istanbul, Avrupa

  2. Pingback: Il palamut e la lakerda | Vivere Istanbul

  3. Pingback: Slow Fish Istanbul 2013 | Vivere Istanbul

  4. Pingback: I ristoranti di Istanbul, Cibalikapı balıkçısı | Vivere Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.