Tulipani in festival a Istanbul (edizione 2013)

tulipai

A Istanbul, l’arrivo della primavera è salutata da un’esplosione dei colori: è il Festival dei tulipani, che come ogni anno – quella del 2013 è l’ottava edizione – s’impossessa dei parchi e giardini più belli della capitale ottomana e li trasforma in una cascata di fiori. A ottobre e novembre, sono stati piantati 14 milioni e mezzo di bulbi: nel parco di Emirgan, nel parco di Gülhane sotto il palazzo di Topkapı, nel parco del palazzo imperiale di Yıldız, davanti alle mura di Costantinopoli, a Beykoz, a Çamlıca, a Sultanahmet, a Hidiv Kasrı, nel parco-roseto di Göztepe, ma anche in anonime aiuole e rotonde stradali.

In totale, insieme ad altre essenze utili per le composizioni geometriche e figurative, sono stati piantati 20 milioni di fiori: con 270 diverse varietà di tulipani; il costo complessivo, annunciato dalla Municipalità metropolitana, è di 13 milioni di lire turche (poco meno di 6 milioni di euro).

LEGGI ANCHE: I parchi di Istanbul, Emirgan

LEGGI ANCHE: I parchi di Istanbul, Hıdiv Kasrı

LEGGI ANCHE: I parchi di Istanbul, Yıldız

La fioritura arriva qualche mese dopo, il festival si tiene dal 1° al 30 aprile: ma le prime settimane sono quelle solitamente più propizie; dopo, se il clima è esageratamente mite per la stagione, si rischia di vederli in parte già appassiti. I parchi si riempiono di visitatori, il tulipano – in Turchia – è oggetto di venerazione: ve ne sarete accorti anche perché è stato scelto come logo per il portale del turismo, oppure per la candidatura alle Olimpiadi del 2020; e del tulipano hanno la forma perfino i tradizionali bicchieri per il tè.

Non per niente, era il fiore preferito dei sultani: l’inizio del XVIII – una fase di grande esuberanza artistica e di vasta diffusione del bulbo più famoso al mondo – venne chiamato Lâle Devri (l’era dei tulipani), i caftani imperiali – ricordo una fantastica mostra al Louvre nel 2010 – erano impreziositi da raffigurazioni (logo ante litteram) di tulipani; la stessa parola turca – di derivazione persiana – lâle ha un valore anche religioso: perché contiene le stesse consonanti di Allah.

L’inaugurazione ufficiale del festival c’è stata ieri (sabato 6 aprile) ad Emirgan, alla presenza del ministro per le politiche europee Egemen Bağış. In parallelo alla manifestazione, come tutti gli anni è prevista una serie di iniziative culturali, dalla musica alle mostre di pittura: il calendario completo potete leggerlo qui, purtroppo solo in turco; mentre la novità di quest’anno è il “museo del tulipano” nelle vecchie scuderie restaurate, sempre a Emirgan: con raffigurazioni pittoriche di giardini ottomani, specie rare di tulipani essiccati, oggetti tradizionali per la coltivazione, libri e stampe. La neonata “Fondazione del tulipano” (presente su Facebook) ha invece preparato un’applicazione per smartphone – Lalezar – che consente di visionare il nome di ogni varietà e di ricevere altre informazioni.

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa

5 Risposte a “Tulipani in festival a Istanbul (edizione 2013)”

  1. Uno spettacolo veramente, peccato che a maggio quando sarò per poche ore a Istanbul sia già tutto sparito . Grazie delle foto Giuliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.