Il (nuovo) cinema Emek

Emek01

Il cinema Emek sta per riaprire, roba di pochi mesi. E’ un cinema antico – attivo già nel 1924 – e famosissimo, uno dei fari culturali di Beyoğlu e di Istiklal caddesi fino a pochi anni fa (in epoca ottomana, la Grande rue de Péra). Nel 2013, poche settimane prima delle rivolte di Gezi – anzi, ne è probabilmente stata una delle cause scatenanti perché fermata con le cattive dalla polizia – una vociante manifestazione della sinistra radicale aveva contestato l’imminente distruzione e irrimediabile perdita, sacrificata in nome del cosiddetto “neoliberismo” e del “profitto”. Sembrava quasi che senza il cinema Emek a Istanbul non si sarebbe più proiettato un film!

In realtà, il cinema si trova in un complesso di edifici che fanno capo al bellissmo Cercle d’Orient di Vallaury (oltre ad appartamenti privati) caduti in disuso e in pessimo stato di conservazione. Un imprenditore turco ha pensato per l’appunto di farlo rinascere attraverso il progetto “Grand Pera”: in parte centro commerciale con negozi e ristoranti di qualità, in parte centro culturale con per l’appunto il cinema Emek, altri otto cinema, un teatro, il museo delle cere di Madame Tussaud. Aprirà a maggio, nei giorni scorsi ho visitato il cantiere e ve ne parlerò prossimamente. Tra l’altro, nello stesso complesso si trovava anche la pasticceria Inci, specializzata nel profiterol: anch’essa oggetto delle solite, inutili proteste.

LEGGI ANCHE: Il profiterol di Inci pastanesi

LEGGI ANCHE: Cercle d’Orient

L’Emek, nei fatti, è stato distrutto solo in parte: sono state sì demolite le strutture murarie, ma le decorazioni sono state smontate, restaurate e rimontate per ricostruire il cinema così com’era nel 1924, eliminando tra l’altro gli interventi che nel corso dei decenni lo avevano snaturato (erano ad esempio stati aggiunti 200 posti supplementari: è stata ripristinata la capienza originaria, adesso si sta molto più larghi). La sala, inoltre, verrà utilizzata anche per concerti, serate di gala (inaugurazioni e premiazioni di festival), spettacoli teatrali. Una bella idea, no? E cosa c’era da protestare, allora?

Emek03 Emek04 Emek02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.