Crea sito

Il pide di Nelipide

Npide00

Dice: con cosa lo vuoi il pide? Pide, pide: e di cos’è – il pide – ve ne ho parlato poche settimane fa, quindi non è il caso di ripetervelo (però potete leggervi l’apposito post).

Dicevo: con cosa lo vuoi il pide? E’ proprio questa la traduzione di “Nelipide?“, dove il pide si fa gourmet: dove in sostanza vengono usati ingredienti ricercati, di alta qualità, in combinazioni ben studiate. Insomma, niente a che vedere con quanto rifilano agli ignari avventori delle zone turistiche. Il locale è molto ben curato, pensano a tutti i dettagli: io ho la fortuna di avercelo sotto casa, in più c’è una succursale ad Ataşehir sempre sulla sponda asiatica (in un posto invitante di cui prima o poi vi parlerò: perché non ha senso venire a Istanbul e vedere solo la zona turistica, no?).

LEGGI ANCHE: I sapori di Istanbul, il pide (di Bafra)

LEGGI ANCHE: I sapori di Istanbul, sucuk e pastırma

LEGGI ANCHE: La gazzosa di Avam Kahvesi

Ieri ho mangiato, alla salute dei vegetariani, una pide mistissima: con formaggio kaşar, sucuk bello piccante, pastırma, kıyma (carne macinata), kuşbaşı (carne tagliata a dadini); l’uovo è su richiesta, una dose generosa di burro del mar Nero – da dove arriva Nelipide, esattamente da Ordu – è compresa e obbligatoria. Anche i dolci sono molto buoni; e in più c’è la Ufuk, la gazoz di Ordu. Si spendono al massimo una decina di euro a testa (niente alcolici).

Npide01

Npide02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.