Bodrum, il ritorno dalla metavacanza!

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Vacanze Settembrine concluse, si torna a casa! Descrivervi la sensazione che si prova nel tornare a casa “in un altro paese”  è davvero difficile…insomma, non è che sono rientrata a Torino! Sono passata da Bodrum a Istanbul, una vacanza nella vacanza, una metavacanza!

Arrivare fin qui da Istanbul è davvero semplicissimo: ci sono i comodissimi voli della Pegasus Airlines, che in un’oretta arrivano a Bodrum, con poco più di 50TL, prenotando per tempo. Una volta arrivati a Bodrum si prende l’Havas bus che dall’Aeroporto porta in città – comodissimo e più economico del taxi. Poi, basta andare sul lungomare, e trovare la propria pensioncina preferita: ce ne sono tantissime! Certo, se invece di essere Settembre fosse Agosto beh, il discorso cambia del tutto. Ovviamente, come sempre, in alta stagione è meglio prenotare in anticipo, magari su trivago.it o booking.com.

L’ effetto metavacanza rende il ritorno di gran lunga più dolce, meno ruvido e inaccettabile, anche se duro comunque…Il ritorno alla realtà è sempre un pochino tragico, specie da un paradiso come Bodrum… Guardate che tramonto!

Questa foto l’ho scattata dalla marina di Bodrum, la baya ai piedi del suo famoso castello-fortezza, la prima sera: ammaliata da questi colori, che sembrano usciti da una tela impressionista, non mi sono più ritrovata nella dimensione del reale…ma in una reale metadimensione di sogno e irrealtà. La metavacanza fa anche questo.

 

Ti porta lontano, ancora più lontano da casa tua. Lontano dai tuoi confini di sempre. Al largo dei sogni, delle speranze, delle idee e delle energie nuove.

Lo spaesamento è totale.

Ma il bello è proprio questo: andare in vacanza e perdere totalmente il senso del tempo, la certezza dei punti cardinali.

Svegliarsi in un letto straniero, in una terra accogliente e sconosciuta… e sentirsi felici nella propria pelle.

Adesso il ritorno a Istanbul: per festeggiare la realtà ritrovata andremo a provare un nuovo caffé a Beyoglu, ve ne parlerò domani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.