A Istanbul la prima chiesa siriaca

CT(già pubblicato sul mio blog “Cose turche” di Look Out news)

Per una volta, agenzie di stampa e mass media hanno diffuso sulla Turchia una notizia positiva: la costruzione di una nuova chiesa cristiana, la prima in epoca repubblicana, vale a dire dal 1923. Una chiesa siriaca, dei siro-ortodossi – antica chiesa d’oriente fondata da San Pietro ad Antiochia – che a Istanbul sono ormai qualche decina di migliaia.

L’annuncio è stato dato dal primo ministro Ahmet Davutoğlu, che per gli auguri del nuovo anno ha voluto riunire i capi religiosi delle comunità non musulmane (greco-ortodossa, siriaca, armena, cattolica, ebraica) insieme al presidente del Direttorato per gli affari religiosi. La decisione però è stata in effetti presa da tempo, già nel 2009: mentre sin dal 2012 è partito l’iter burocratico che però ha avuto degli intoppi – per l’individuazione dell’area e per l’ottenimento di tutti i necessari permessi.

Soprattutto, la decisione di consentire la costruzione di una chiesa non deve essere percepita come una sorprendente novità ma è perfettamente in linea con la politica decennale del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP), al potere dal 2002, che accusato “di voler islamizzare la Turchia” dalle opposizioni laiciste e dalla stampa islamofoba, ha nel corso degli anni promosso il restauro e la riapertura al culto di chiese (o sinagoghe) abbandonate dalla fine della Prima guerra mondiale, ha perfezionato la restituzione di numerose proprietà espropriate dai precedenti governi “laici”, ha offerto dialogo e dignità a tutte le minoranze non musulmane che costituiscono circa l’1% della popolazione turca.

Non mancano ulteriori problemi da risolvere, come la riapertura del seminario greco-ortodosso sull’isola di Halki o l’ottenimento della personalità giuridica da parte della minoranza cattolica, o anche i corsi di religione nella scuola dell’obbligo: ma proprio grazie all’AKP in Turchia si respira un clima di rinnovata fiducia per il futuro di tutti i cittadini turchi, qualunque sia la loro appartenenza etnica o religiosa.

Una risposta a “A Istanbul la prima chiesa siriaca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.