Le moschee di Istanbul, Eyüp

EC00

 

 

Eccola, una delle moschee più suggestive di Istanbul: più suggestiva e più sacra, che puntualmente i turisti ignorano – quelli interessati alle “cose principali” – per riversarsi in massa nella Moschea blu di Sultanahmet. La moschea di Eyüp – per essere precisi, la Eyüp Sultan Camii – è tutt’altra cosa: una delle più antiche (se non la più antica, secondo molte fonti) della città, famosa perché costruita – subito dopo la conquista da parte di Mehmed II – attorno alla venerabile tomba di Ebu Eyyûb el-Ensarî, quasi completamente ricostruita alla fine del XVIII secolo. E’ una moschea sacra, dicevo: ed è sacra proprio in virtù della tomba di Eyyûb/Eyüp, porta-stendardo del Profeta Maometto morto durante l’assedio arabo del VII secolo e poi apparso in sogno per svelare il luogo della sua sepoltura e dare nuova carica nel corso dell’assedio stavolta vincente – come ricordato nel film “Fetih, La conquista” – del 1453. E’ una moschea talmente sacra che tutt’attorno si trovano ricche tombe di alti dignitari ottomani, che era il luogo in cui i nuovi sultani venivano consacrati dal Gran maestro sufi (venivano cinti con la spada di Osman, capostipite della dinastia Osmanlı o ottomana).

LEGGI ANCHE: Fetih 1453, il film (e la conquista di Istanbul)

LEGGI ANCHE: Gli eventi del ramadan 2013 a Istanbul

LEGGI ANCHE: Itinerari a Istanbul

La moschea in sé non solo fa parte di un più ampio complesso, con altri edifici di rilevanza pubblica: ma in quanto luogo di pellegrinaggio – proprio sulle sponde del Corno d’oro (è la tappa quasi finale di un nuovo itinerario che sto preparando per il blog) – è attorniato da tutta una serie di bancarelle, negozi e punti ristoro di ogni tipo. Il periodo migliore per andarci, è ovviamente quello del ramadan: perché è uno dei centri in cui le persone si riuniscono per interrompere il digiuno per la cena di iftar. E una volta a Eyüp, ci si deve spingere un po’ più su – con la teleferica, a piedi attraverso il cimitero – fino alla collina e al caffè di Pierre Loti.

L’interno, non ve lo descrivo: bastano queste fantastiche foto a rendere l’idea!

 

LEGGI ANCHE: Pierre Loti e le evase dall’harem

LEGGI ANCHE: Consigli di viaggio, come visitare una moschea a Istanbul

LEGGI ANCHE: Le moschee di Istanbul, Pertevniyal Valide Sultan camii (ad Aksaray)

LEGGI ANCHE: Le moschee di Istanbul, Yavuz Selim Camii (a Fatih)

LEGGI ANCHE: La perla del Bosforo: la moschea di Ortaköy

EC01
EC02

Precedente Renzi a Istanbul Successivo C'era una volta Iconium (Konya)

4 commenti su “Le moschee di Istanbul, Eyüp

  1. giorgio chiavegato (GULLIVER Vr) il said:

    Ci sono stato ed è effettivamente bella. Da lì poi parte il sentiero (o la teleferica) per salire al caffè Lotì con vista su tutto il Corno d’Oro. Si attraversa salendo o scendendo un cimitero islamico bello e sereno.
    Vale la pena.

  2. Pingback: Le moschee di Istanbul, Eyüp | Istanbul, Avrupa

  3. DARRA DANILO il said:

    VADO A EYUP…..OGNI VOLTA CHE VENGO A ISTANBUL…..LO CONSIGLIO A TUTTI….
    FUORI DAI CIRCUITI TURISTICI, LUOGO PER INTENDITORI DI STORIA, COSTUMI, SOCIETA’
    UNO DEI POSTI PREFERITI.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.