Istanbul, i paesi arabi e i formaggi turchi

KG

Essì, i blog di viaggi (dove per “viaggi” s’intendono vacanze di 3/4 giorni tuttocompreso) non finiscono mai di stupire: soprattutto quando i bloggers in questione si avventurano a dare consigli. Ne ho beccato uno fantastico, di cui per pietà mi rifiuto di indicare le coordinate:

LEGGI ANCHE: I 10 pregiudizi su Istanbul assolutamente da evitare

I problemi di dissenteria che si hanno in altri Paesi Arabi sono molto più attenuati in Turchia. Nonostante ciò è bene essere previdenti e adottare le solite semplici norme igieniche: bere solo l’acqua di bottiglie confezionate, evitare di lavarsi i denti con l’acqua dell’acquedotto (meglio aggiungere qualche goccia di amuchina per essere più tranquilli), non mangiare cibi poco cotti, latte e latticini.

Ma si possono scrivere scemenze simili? A me spesso viene il dubbio, che questa gente sia venuta sul serio in Turchia.

2 Risposte a “Istanbul, i paesi arabi e i formaggi turchi”

  1. LA SOLITA INFORMAZIONE ITALIANA……SONO STATO A ISTANBUL DAL 15 AL 30 GIUGNO SCORSO……SONO STATO BENISSIMO….E CI RITORNO ANCHE A GIUGNO 2016….ALMENO 10 GIORNI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.