Karkamış e il suo parco archeologico

Karkamış

Novità importanti da Karkamış, il sito archeologico neo-ittita sulla frontiera turco-siriana nei pressi di Gaziantep – già scavato all’inizio del XX secolo dagli inglesi con Lawrence d’Arabia presente – dove lavora dal 2011 una missione italiana guidata dal professor Nicolò Marchetti dell’università di Bologna. Un progetto straordinario e apprezzatissimo in Turchia, di cui a mio avviso in Italia non si sta parlando a sufficienza.

Ne ho parlato per il numero di settembre de Il Giornale dell’Arte, qui sul blog vi do qualche anticipazione:

LEGGI ANCHE: Gli ittiti e i loro regni (mostra al Louvre)

[…]

La campagna del 2019 – due mesi da maggio a luglio – ha portato alla scoperta di due palazzi del XIII secolo a. C. destinati all’amministrazione, quando Karkamış era la capitale di un vice-regno ittita appannaggio del figlio dell’imperatore; in uno degli edifici sono state rinvenute centinaia di bullae di argilla, con impressi i sigilli di alti funzionari (tra cui è stato individuato il principe Taya), che offrono agli studiosi dettagli preziosi sui meccanismi della burocrazia di corte.

[…]

nella necropoli di Yunus che risale all’età del ferro del VII-VIII secolo a. C., incredibilmente sotto l’area del cimitero moderno, sono stati rinvenuti dei corredi funerari considerati “straordinari”: crateri, fibule, perline di collane, sigilli a forma di scarabeo.

La missione italo-turca ha però obiettivi ulteriori rispetto alla ricerca scientifica, tesa a documentare la stratificazione urbana del sito. Il suo approccio integrato prevede infatti sia restauri conservativi – quest’anno sono stati trattati chimicamente i mattoni di fango e sanate le crepe di pavimenti e muri – sia la fruizione del pubblico compresi potenziali turisti.

E infatti, dal mese di luglio Karkamış è diventata un parco archeologico, dotato di pannelli informativi sulla storia millenaria e sul presente conflittuale del sito e sentieri di visita in ghiaia ben delimitati che conducono in tutte le aree. Mancano ancora i visitatori, in attesa che nell’area scoppi la pace.

Karkamış
Karkamış

Precedente Antiochia vista dalla mia camera di hotel Successivo Il museo archeologico nell'hotel di Antakya

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.