La ballata del professor Davutoğlu

DavutKonya2014

No, non voglio parlarvi di politica: o meglio, solo di suoi risvolti curiosi. In Turchia, si voterà per il rinnovo del Parlamento il 7 giugno: e come in ogni altra campagna elettorale a cui ho assistito – politiche del 2011, amministrative e presidenziali del 2014 – i partiti punteranno moltissimo sulle “canzoni elettorali” per far breccia sugli elettori. Si tratta di motivi orecchiabili, spesso vecchie canzoni a cui viene cambiato il contenuto per esaltare le doti dei rispettivi leader o il messaggio del partito. Soprattutto il Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) ed Erdoğan hanno dimostrato grande fantasia e capacità di stupire.

Per il politiche del 2015, il leader sarà però Ahmet Davutoğlu: già professore di relazioni internazionali, ideologo della politica estera della “nuova Turchia”, ministro degli esteri dal 2009, da agosto primo ministro e segretario dell’Akp. Non è una figura particolarmente carismatica, quindi gli spin doctors del partito hanno pensato bene di anticipare i tempi: e la canzone elettorale che gli è stata dedicata, è stata lanciata già due giorni fa in occasione di un meeting dell’Akp a Konya (città natale e feudo elettorale di Davutoğlu).

E’ una vecchia ballata di epoca ottomana che canta il coraggio di Kiziroğlu Mustafa Bey nella lotta contro poter centrale e prepotenti locali; è stata trasformata in versione moderna dal gruppo Ayna nel 1998 (col titolo “Kiziroğlu”): e lo stesso gruppo – sul palco – ha suonato e cantato la versione elettorale per “Ahmet Davutoğlu Hoca” (il professore), “uomo saggio/ uomo coraggioso.

Queste, le tre versioni:

Precedente Turchia, il più grande museo del mondo Successivo Nino Manfredi a Istanbul

Un commento su “La ballata del professor Davutoğlu

  1. Pingback: La ballata del professor Davutoğlu | Istanbul, Avrupa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.