La Moschea di Solimano

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

La mia Moschea preferita qui a Istanbul? Senza ombra di dubbio è la grande Moschea di Solimano a Eminönü, che si erge sulla sua collina tanto maestosa quanto elegante, per offrire uno sguardo davvero privilegiato su tutta Sultanhamet. La Suleymaniye Camii fu costruita nel 1555 dal famoso architetto Sinan per il Sultano Solimano il Magnifico.

Con i suoi numerosi edifici annessi (cucina per i poveri, bagni, scuole, biblioteche) essa costituisce ancora oggi un vero e proprio quartiere, brulicante ed animato di giorno, affascinante e quasi misterioso di notte. Un luogo di luci ed ombre, di storia e di fascino estremi: i turisti sono meno numerosi qui, rispetto alla più celebre e celebrata Moschea Blu. Eppure la Moschea di Solimano, appena restaurata dalle abili mani di un architetto francese, non ha davvero nulla da invidiare ad altre più note moschee.

La Suleymaniye è ricca di simbologie e richiami, oltretutto: ha quattro minareti, due dei quali più alti, intorno a dieci gallerie che circondano la Moschea. I due numeri si riferiscono al fatto che Solimano fu il decimo sultano turco e il quarto che risiedette a Istanbul. Nel vestibolo si ammirano 24 colonne antiche, che provengono dall’Ippodromo: sono di marmo bianco e di granito rosa, bellissime. Conferiscono agli interni sobri ed eleganti della Moschea un tocco di eleganza “vintage” in più. Stupendi i tappeti rossi fiammanti, con i motivi che disegnano i posti riservati alla preghiera personale, e le piccole guglie dipinte di blu, che trovo simili a tanti “funghetti”.

Un consiglio: visitate la Suleymanie di sera: oltre ad essere quasi sempre deserta, sul retro il cortile si affaccia direttamente su uno dei panorami più belli di Istanbul in notturna! C’è anche – proprio annesso alla moschea – uno stupendo e storico bagno turco che potrete provare. L’edificio è del 1500, cupola istoriata e fascino da vendere. Misto – uomini e donne – non propriamente economico (intorno alle 60/80 TL) rispetto ad altri meno suggestivi e meno turistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.