La Turchia di Özlem Önder

OO

Özlem Önder è una giovane attivista politica curda che vive in Italia: con articoli fattualmente sballati e dalle interpretazioni fuorvianti, sta contribuendo a formare una vera e propria leggenda nera sulla Turchia (tanto chi pubblica i sui scritti assolutamente non si preoccupa di verificare la rispondenza ai fatti di quanto scrive).

Ultimo esempio, un articolo delirante pubblicato su Micromega online; mi limito a qualche osservazione sui primi paragrafi, davvero non sono stato in grado di leggere lo scempio fino in fondo:

Erdogan […] ha deciso di interrompere una probabile coalizione con il partito filo-curdo HDP, e quindi di boicottare un processo di pace interno, indicendo nuove elezioni.

Una “probabile coalizione” con l’Hdp? Ma dove? Ma quando? Ma come si fa a scrivere una scempiaggine simile? Negoziati – è questo di cui si parla – per formare una coalizione tra l’Akp e l’Hdp non sono mai iniziati, visto che nell’iimediatezza del responso elettorale del 7 giugno i leader del partito filo-curdo hanno dichiarato di NON volere formare una coalizione con l’Akp (tra l’altro Erdoğan è il presidente della Repubblica, non il primo ministro).

Erdogan ha trionfato ma la democrazia ha perso. Il Sultano è dovuto ricorrere infatti a brogli elettorali in un clima di tensione ai seggi e poca trasparenza.

Ah, ma è un’abitudine quella di parlare a sproposito di “brogli”, allora! Ma quali sono i riscontri? Chi ne ha testimoniato l’esistenza, se non in casi episodici del tutto marginali?

LEGGI ANCHE: I brogli elettorali in Turchia

Inoltre 10 milioni di voti sono stati dichiarati nulli in tutta la Turchia di cui circa 8 milioni sono annullati soltanto a Istanbul, nella capitale della Turchia Europea dove la maggior parte degli elettori sono laici, moderatamente di sinistra e curdi.

Dieci milioni di voti dichiarati nulli in tutta la Turchia? In che senso? I voti dichiarati nulli in tutta la Turchia sono poco meno di 700mila (ed esistono numerorissimi siti in cui si può verificare). E se a Istanbul “la maggior parte degli elettori sono laici, moderatamente di sinistra e curdi”, come mai è da 20 anni ininterrottamente che scelgono un sindaco dell’Akp 🙂 ?

No, sul serio: ma c’è veramente bisogno di scrivere e pubblicare porcherie simili?

Precedente I brogli elettorali in Turchia Successivo Michael Rubin e la matematica

2 commenti su “La Turchia di Özlem Önder

  1. Gokhan il said:

    Elezione in TURCHIA ci ha presentato di nuovo che maggior parte dei popolazione di Turchia (90%) ama la loro paese… Loro hanno confermato anche ce l’hanno il valore di IQ più di 90.. Ragazzi dovete capire che I Turchi e Curdi non hanno scelto terrorismo.

  2. AlessandroUD il said:

    E poi: 8 milioni di voti annullati solo ad Istanbul?!? Quindi, in una città di 14 milioni di abitanti, togliendo i bambini ed i ragazzi minorenni, sarebbe come dire che sono stati annullati tutti i voti della città?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.