La moschea barocca di Laleli

Ma perché me la prendo tanto con il turismo di massa a Sultanahmet? Coi turisti che si lasciano irretire dalle attrazioni famose – Ayasofya, moschea blu, palazzo di Topkapı, basilica cisterna, Gran bazar poco più avanti – e si convincono di aver visitato tutti i monumenti più importanti?

LEGGI ANCHE: Tour a Istanbul e turismo da pecoroni

La risposta è molto semplice: perché tutti costoro finiscono col perdersi l’infinita ricchezza del patrimonio culturale di Istanbul, spesso a pochi passi dal fazzoletto di penisola storica in cui tutti si affollano.

Un ulteriore esempio – ma nel blog, ce ne sono già molti altri – è la splendida moschea settecentesca e barocca di Laleli, a 5 minuti a piedi dal Gran bazar e proprio sulla strada principale (principale già in epoca romana) ma ovviamente ignorata dai più.

LEGGI ANCHE: Zeynep Sultan, la moschea come una chiesa (bizantina)

L’ulteriore particolarità della moschea di Laleli è che come la Zeynep – ora in fase di restauro e pertanto inaccessibile – si ispira a modelli bizantini per quanto riguarda l’uso dei mattoni.

A me piacciono moltissimo sia lo stile architettonico più leggero e gradevole (niente a che vedere col casermone detto “moschea blu”), sia le decorazioni dell’interno.

LEGGI ANCHE: Bodrum camii: la moschea bizantina col piano di sotto

Purtroppo, sono andate perdute molte delle strutture che facevano parte del complesso originario: ma le tombe dei sultani Mustafa III (il fondatore) e Selim III fortunatamente non le ha toccate nessuno; come del resto i negozi affittati per sovvenzionare le attività caritatevoli della moschea, che vedete nell’ultima foto.

Precedente Il Myrelaion, la cisterna bizantina trasformata in bazar Successivo Kılıç Ali, il calabrese diventato ammiraglio... arabo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.