Le dieci spiagge più belle della Turchia

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Eccoci alla scoperta del meraviglioso mare della Turchia, delle sue spiagge più belle e incontaminate: dimenticate le località di mare brulicanti di gente. Ecco 10 spiagge magnifiche, tutte da scoprire: baie nascoste e insenature, lingue dorate baciate dal sole e accarezzate dalla salsedine… Un sogno, praticamente!

Il segreto è spingersi nelle località giuste: ovvero, quelle lontane dai maggiori centri turistici, o quelle comodamente servite dai mezzi pubblici. La maggior parte di queste spiagge si raggiunge noleggiando un’auto, oppure soltanto in barca.

La maggior parte di queste spiagge non ha servizi, solo un mare stupendo, circondato da una natura vergine. Per chi cerca il mare più bello della Turchia…eccolo qui!

Ovabuku
dove: penisola di Datca
Incastonato  nella penisola Datca – a poche miglia dall’isola greca di Kos -Ovabuku è una stupenda spiaggia di ghiaia bianca. La campagna circostante  è bella e rigogliosa: foreste di pini mescolato con alberi di quercia, mirto e carrubo. Intorno, la civiltà si limita a qualche piccolo ristorante e un pugno di pensioni dove pernottare a buon mercaEcco il posto ideale dove trovare pace, autenticità.

Butterfly Valley
dove: tra Fethiye e Oludeniz
Situato tra due alte scogliere la spettacolare Butterfly valle si estende con una caratteristica  forma a V e termina in una formidabile distesa di spiaggia incontaminata.Si arriva qui in barca, da Fethiye e Oludeniz: per gli escursionisti avventurosi c’è anche un bellissimo sentiero roccioso che scende a valle in circa 40 minuti. Non c’è elettricità, non ci sono strade strade: campeggio libero consentito, ma solo per novelli Robinson Crusoe! In alternativa, si può pernottare a Faralya, a monte.

Amos
dove: penisola di Bozburun, Marmaris
Tra  Turunc e Kumlubuk, nella penisola Bozburun, Amos è una caletta nascosta tra due promontori. Dall’altra parte della baia c’è Marmaris, località turistica per eccellenza, ma  qui siamo anni luce al riparo dai  suoi clamori turistici: spiaccia di ciottoli bianchi, Amos era una volta un consistente insediamento romano. Ci sono alcuni resti, tra cui un piccolo anfiteatro con tanto di vista mozzafiato. Per la gioia dei buongustai: c’è anche un ottimo ristorantino che serve pesce fresco, direttamente sulla spiaggia.

Gemiler
dove: dalle parti Oludeniz (Fethiye)
Gemiler si trova proprio di fronte ad una piccola baia che si estende all’ombra di alberi di pino ed olivo. Sbarcare a Gemiler è un po’ tuffarsi in piena epoca bizantina, quando tra gli isolotti al largo della Licia si nascondevano i pirati in attesa di navi da assaltare. Pini, olivastri e macchia mediterranea si insinuano tra case, cisterne, e mosaici. L’isola è ricca di reperti storici ed è conosciuta con il nome di Isola di San Nicola, dato che ospita un’antica chiesa dedicata al santo.

Cirali
dove: Olympos
Olympos è una località molto  famosa per le sue bellissime case sugli alberi: uno dei modi più originali per vivere una strepitosa vacanza da queste parti!  Olympos è riuscita a evitare il turismo di massa. Cirali è  la sua spiaggia: ben 3 km di spiaggia interamente protetta, per via delle simpaticissime  tartarughe carretta-carretta  che nidificano tra la sua sabbia. Fiancheggiata da due belle vallate, tutta l’area intorno Cirali è favolosa: l’atmosfera è piacevolmente hippy, mentre il villaggio alle spalle offre ristoranti e pensioncine dove pernottare senza spendere troppo.

Kaputas
dove: dalle parti di Patara
Sulla strada tra Kalkan e Kas, dalle parti di Patara, la spiaggia di Kaputas è formata da una gola che si apre in una bella distesa di sabbia. Non ci sono strutture sulla spiaggiaç se si ha intenzione di fermarsi per un po’. meglio portarsi dell’acqua e un ombrellone. Molto ventosa in alcuni giorni, mai affollata, è davvero un piccolo paradiso. Si arriva in dolmus.

Pamucak
dove: tra Selcuk e Efeso
4 km di sabbia dorata: una meraviglia! Pamucak si trova dalle parti diEfeso, la si raggiunge in dolmus anche da Selcuk. E’ moto grande e ventosa, nessun bagnino all’orizzonte: nuotare qui è consigliato solo ai nuotatori esperti, data anche la presenza di forti correnti. Inutile dirlo, è un piccolo paradiso per i surfisti! C’è anche la possibilità di organizzare gite a cavallo sulla spiaggia.

Ortakent
dove: Bodrum
Dalle parti di Bodrum, Ortakent non è propriamente un segreto: una spiaggia molto nota. Davvero bellissima però! Ortakent è una buona opzione per una vacanza in famiglia con bambini al seguito, dato che offre anche la possibilità di sport acquatici per tutta la famiglia. La penisola di Bodrum è costellato di insenature e baie pittoresche e un auto-noleggio barca è il modo ideale per esplorarla e trovare la propria  spiaggia ideale.

Gunluklu
dove: tra Fethiye e Gocek
Bellissima spiaggia,nascosta in un tratto di strada tra Fethiye e Gocek, circondata da foreste di pini verdeggianti, Gunluklu è la scelta  ideale per chi desidera una sensazione di evasione totale! Durante la settimana è così: pacifica e bellissima. Si anima invece nel week end – dopotutto Fethiye si trova a breve distanza di auto! – e i locali attaccano con le “serate barbecue” e la musica “tunz-tunz”.

Kabak
dove: dalle parti di Oludeniz
Kabak è una bellissima, incontaminata baia con spiaggia di ciottoli circondata da una lussureggiante pineta. Non c’è niente sulla spiaggia!, Solo qualche campeggio molto “nature”. Si arriva qui in barca o in dolmus, più sentiero sterrato: ne vale assolutamente la pena. Di notte si intravedono le luci della vicina Oludeniz : è a soli 15 minuti da qui, ma pare  davvero in un altro mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.