Le moschee più belle di Istanbul

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

ntinopoi avvenuta nel 1453, molte chiese sono state convertite a Moschee, in primis Aghia Sofia, oggi considerata un Museo, grazie a uno specifico decreto di Ataturk. Camii, in turco, significa Moschea. Mi raccomando, per le signore: non scordate di indossare il vostro foulard o scialle durante la visita, anche laddove non espressamente richiesto!

Ecco una carrellata su alcune delle più belle Camii di Istanbul!

La Moschea Blu La più famosa di Istanbul, questa moschea del 17 ° secolo sorge nei pressi di Santa Sofia. Bellissime mattonelle blu ornano le sue mura. Il suo ambiente a sei minareti la distingue da altre moschee che normalmente ne hanno due o quattro. Fu costruita dall’architetto Mehmet Aga per volere del sultano Ahmed I e presto divenne la più importante moschea della città, proprio a Sultanahmet. Sempre affollatissima e turisticissima.

Suleymanye Camii Recentemente riaperta al pubblico dopo un lungo restauro, questo pezzo eccezionale di architettura fu costruito nel 16 ° secolo dal famoso architetto ottomano Mimar Sinan per il Sultano Solimano il Magnifico. In piedi su una collina della città antica che sormonta il Corno d’Oro, è davvero imponente, e meravigliosa. E  la più grande moschea di Istanbul con quattro minareti. Maestosa.

Eyup Camii La prima moschea costruita dopo la conquista di Istanbul, la Moschea di Eyüp si trova appena fuori le mura del quartiere omonimo, affacciato sul Corno d’Oro, nel luogo dove sarebbe morto Eyüp (Eyyub el Ensari), ovvero l’alfiere del Profeta Muhammad, morto durante l’assalto islamico a Costantinopoli nel 670. Oggi è considerato come il secondo posto di pellegrinaggio per i musulmani dopo la Mecca.

Fatih Camii Costruita sulle rovine della Chiesa degli Apostoli, la Moschea di Fatih – costruita tra il 1463 e il 1470 – porta il nome del conquistatore ottomano di Istanbul, Fatih Sultan Mehmet. La moschea è il luogo del suo mausoleo. La sua vastità e la sua grande complesso di edifici religiosi, tra cui medreses (scuola teologica), ospizi, bagni, un ospedale e una libreria, meritano una visita. Il quartiere di Fatih in sé, la merita!

Yeni Cami Bella moschea del 17 ° secolo situata nel quartiere di Eminonu nei pressi del Bazar delle Spezie egiziano. Color grigio fumo fuori, all’interno della moschea sono grandi esempi di piastrelle di lavorazione ottomano. La mia moschea preferita, senza ombra di dubbio!

Ortaköy Camii La moschea si trova sulle rive del Bosforo, nel quartiere Ortaköy. Fu costruito nel 1853 dall’architetto regio Nikogos Balyan, durante il regno del sultano Abdulmecid. Barocca ed elegante: le pareti sono di pietra bianca, decorate con mosaici rosa. Attualmente in corso di restauro, è una delle moschee più belle di Istanbul. Piccola, e in un posto da sogno…

Dolmabahce Camii La Moschea annessa al Dolmabahce Palace è davvero un piccolo gioiello da scoprire. Fu completata nel 1855 dall’architetto era Karabet Balyan, riccamente decorata in stile barocco e abbellita con un gigantesco e ricchissimo lampadario di cristallo inglese. La disposizione circolare delle finestre, che ricorda la coda di un pavone, è uno spettacolo di per sè! La mia preferita.

Sakirin Camii A Uskudar, una Moschea davvero molto particolare: è la prima moschea la cui realizzazione interna è stata interamente affidata a una donna, Zeynep Fadıllıoğlu. Unica nel suo genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.