Le proteste di piazza a Istanbul (maggio-giugno 2013)

Sobo stato cattivissimo profeta: due giorni fa, ho infatti parlato del divieto di organizzare manifestazioni politiche a piazza Takism e su Istiklal caddesi valido per tutto un anno (e auspicavo che questo divieto venga reso permanente, liberando una volta per tutte il centro storico da caos e disagi). Invece, una protesta contro lo smantellamento di un piccolo parco proprio a ridosso di piazza Taksim – l’idea è di ricostruire al suo posto la caserma di artiglieria ottomana distrutta nel 1940, con funzioni di centro commerciale e residenziale – è degenerata a causa dello sgombro effettuato dalla polizia ieri mattina.

LEGGI ANCHE: La Triennale d’arte di Istanbul (2013) a piazza Taksim

LEGGI ANCHE: I lavori di piazza Taksim

LEGGI ANCHE: La nuova piazza Taksim prende forma

LEGGI ANCHE: La nuova piazza Taksim (reprise)

In Turchia, in effetti, ci sono fratture socio-politiche e tensioni assortite che trovano sfoghi insufficienti nei canali istituzionali della democrazia: il malcontento è affiorato più volte nel corso degli ultimi mesi, ma è stato sostanzialmente represso; il risultato è che la tensione accumulata è esplosa ieri: con manifestazioni anti-governative in tutta la Turchia e decine di migliaia di manifestanti – e forse più! – nel cuore europeo di Istanbul. Anche in questo caso, la polizia ha ricevuto l’ordine di disperderla: lo ha fatto in modo pesante, con lacrimogeni e – a quanto sembra – con proiettili di gomma. Tutta la zona di Beyoğlu è sostanzialmente in stadio di assedio, il bilancio è di centinaia di feriti (si parla anche di qualche morto, ma non ci sono conferme).

LEGGI ANCHE: Le moschee di Istanbul, la Cumhuriyet camii di piazza Taksim

LEGGI ANCHE: La Istanbul di Henri Prost (1931-1951), documenti e foto

LEGGI ANCHE: Taksim. Il cuore di Istanbul

LEGGI ANCHE: La storia del parco Gezi di Istanbul

Cosa accadrà, nessuno può prevederlo. Il governo democraticamente eletto è apparentemente saldissimo in virtù del consenso elettorale del 50% e della maggioranza parlamentare di cui dispone; ma le manifestazioni di piazza sono imprevedibili e se le risposte delle autorità non sono adeguate può scatenarsi il finimondo: e dopotutto, la storia della Turchia contemporanea è costellata di sanguinosi colpi di stato militari. In ogni caso, è ragionevole pensare che le proteste continuino e che – almeno nel breve periodo – salgano di intensità. Il consiglio per chi verrà a Istanbul nei prossimi giorni, ovviamente, è di evitare la zona di Taksim e di Istiklal caddesi (ma anche gli altri quartieri in discesa verso il Bosforo): perché il rischio di rimanere coinvolti è elevatissimo.

LEGGI ANCHE: La mappa delle proteste a Istanbul

LEGGI ANCHE: Le foto delle proteste a Istanbul

LEGGI ANCHE: Le proteste a Istanbul e la cultura negata

Magari vi terrò aggiornati nei prossimi giorni se la situazione dovesse complicarsi ulteriormente.

Precedente Manifestazioni vietate per un anno a piazza Taksim Successivo La mappa delle proteste a Istanbul

8 commenti su “Le proteste di piazza a Istanbul (maggio-giugno 2013)

  1. Enrico il said:

    Io sarò lì dal 9/6 al 16. Ho l’albergo a 500 mt. dalla piazza taksim.
    Mi sa che che, per prudenza, cambierò alloggio in una zona più sicura, pensavo a Kadikoy.

    Ciao

    • spero che per il 9 la situazione si sia normalizzata: ma ti consiglierei di alloggiare in zona Sultanahmet, se vieni a Kadikoy poi di sera potresti essere penalizzato con gli spostamenti (i traghetti finiscono le corse per le 22, dopo potrebbero esserci problemi per il ponte sul Bosforo col metrobus o coi dolmus… che comunque partono da Taksim); oppure, vieni a Kadikoy ma con la consapevolezza di dover tornare sul lato asiatico ragionevolmente presto: se vuoi, posso suggerirti qualche zona interessante per cena e dopo cena (niente di turistico)

  2. paolo (VivereVienna) il said:

    Ma chissenefrega dei borghesucci italiani in vacanza. Viva i giovani turchi che lottano per l’ambiente, la libertà di espressione e la laicità dello stato. C’è solo da imparare.

  3. Stefania il said:

    Ciao, io dovrei essere a Istanbul dal 6 al 9, in zona del Tuyap center, che credo sia lontano dalle zone interessate. com è la situazione per gli spostamenti da/per l’aeroporto?
    Grazie

  4. Enrico il said:

    Alla fine ho prenotato in zona Sultanahmet. Mi suggerisci comunque qualche nome per cenare in posti poco turistici sia in zona kadikoy e anche Sultanahmet o limitrofi?

    Grazie

  5. Pingback: Le foto delle proteste a Istanbul | Vivere Istanbul

  6. Pingback: La storia del parco Gezi di Istanbul | Vivere Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.