I libri su Istanbul, L’albero dei giannizzeri (di Jason Goodwin)

the-janissary-treeObbligato negli ultimi tempi a prendere spesso l’aereo, ho deciso – per sfruttare al meglio le ore di viaggio – di rileggermi i simpatici romanzetti di Jason Goodwin: così da prepararmi con un bel ripasso alla lettura dell’ultimo della serie, uscito da pochi mesi. Parlo di romanzetti perché si tratta di libricini che non hanno la profondità della letteratura vera e propria: raccontano le vicende ottocentesche di un eunuco alla corte dei sultani ottomani, che diventa detective e si occupa delle più grandi minacce – interne e interne – che mettono in pericolo la sopravvivenza stessa dell’impero.

LEGGI ANCHE: I libri su Istanbul, Aziyadé (di Pierre Loti)

LEGGI ANCHE: I libri su Istanbul, Les Désenchantées (di Pierre Loti)

LEGGI ANCHE: I libri su Istanbul, Rosso Istanbul (di Ferzan Özpetek)

LEGGI ANCHE: I libri su Istanbul, La città ai confini del cielo (di Elif Şafak)

LEGGI ANCHE: I libri su Istanbul, La grande cucina ottomana

Il primo dei cinue pubblicati ha per titolo L’albero dei giannizzeri (The Janissary Tree, nell’edizione originale) e parla di un complotto nel 1836: una fase difficile, di transizione verso le modernità. Si parla di russi, di polacchi, di harem, di eunuchi, di ricette di cucina, di hamam, di Istanbul: lo scrittore è uno storico di formazione, conosce alla perfezione sia i temi che fanno da sfondo alle vicende narrate sia la città nella sua conformazione urbanistica e nella sua vitalità. Yashim, il protagonista, è una figura di immensa intelligenza, che sa come farsi amare: in tutti i sensi della parola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.