I mosaici bizantini di San Salvatore in Chora

SS00

E’ uno dei monumenti famosi di Istanbul, ormai raggiunto – via torpedone – dal turismo di massa: quindi evito di raccontarvi i dettagli, che potete trovare su qualsiasi guida decente. Mi limito all’essenziale: la chiesa di San Salvatore in Chora si trova nei pressi della porta di Edirne, sul percorso del mio itinerario sulle colline di Istanbul; è stato trasformata successivamente in moschea (Kariye camii); i suoi favolosi mosaici – probabilmente i più belli dell’arte bizantina – sono stati preservati e poi riscoperti all’inizio del secolo scorso, prima che la chiesa-moschea venisse trasformata in museo.

LEGGI ANCHE: Itinerario n° 5 – Su e giù per le colline di Istanbul (Fatih)

LEGGI ANCHE: Le chiese-moschea di Istanbul, Pammakaristos-Fethiye

LEGGI ANCHE: Kalenderhane Camii, la chiesa bizantina diventata moschea sufi

LEGGI ANCHE: Il Pantokrator, la chiesa-moschea sulla collina di Zeyrek

I mosaici risalgono alla fine del XIII – inizio del XIV secolo, esempio dell’arte sfolgorante e opulenta fiorita dopo la dominazione latina, un’epoca di rinascita col ritorno degli imperatori bizantini in città. Ci sono dei lavori di restauro in corso, il naos – straordinariamente dotato di mihrab, la nicchia per la preghiera verso la mecca – è al momento chiuso: ma i mosaici, che ritrvggono principalmente scene della vita di Maria e della vita di Gesù (fonte principale: il vangelo apocrifo di Giacomo).

A mio avviso, è IL monumento di Istanbul che non si deve assolutamente mancare (il giorno di chiusura è il mercoledì).

SS01
SS03

Precedente Perdersi a Istanbul Successivo La casa di Trotsky a Büyükada (in vendita)

2 commenti su “I mosaici bizantini di San Salvatore in Chora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.