I musei di Istanbul, il Museo di arte contemporanea Elgiz

Oggi sono andato a visitare un museo di cui – fino all’altro giorno – neanche sospettavo l’esistenza: il Museo di arte contemporanea Elgiz/Proje4L, nel nuovo quartiere finanziario di Maslak (sulla sponda europea, fitto di grattacieli); l’ho scoperto grazie alla mia amica Pınar Akalın, che per il museo si occupa di public relations e marketing: ha idee formidabili, davvero (è lei che ha curato l’inaugurazione dell’installazione di Angelo Bucarelli all’hamam di Cibali, per la Biennale 2013). Pınar e la direttrice del museo – Billur Tansel – hanno organizzato per me e una collega una bella visita guidata; e ci hanno poi illustrato i meccanismi di funzionamento dell’istituzione, gli obiettivi del progetto culturale, le attività previste per il 2014: alcune davvero innovative, ma ancora non posso parlarvene.

LEGGI ANCHE: Gli hamam di Istanbul, il Küçük Mustafa Paşa Hamamı

LEGGI ANCHE: Gli italiani di Istanbul, Acqua. Come lacrime d’amore

L’Elgiz è stato creato nel 2001, il primo museo di arte contemporanea a Istanbul: è un museo privato, dal 2005 – nella sua configurazione definitiva – ospita la ricca collezione della famiglia che gl’ha dato il nome. Un grande spazio, è diviso in due da colori e pannelli: da una parte mostre temporanee, ogni 2-3 mesi, che servono anche per introdurre al pubblico i nuovi acquisti; dall’altra la collezione permanente, una selezione dei pezzi migliori che vengono esposti a rotazione. Tutto il resto viene custodito nei depositi. Quello che più colpisce è l’estrema varietà degli artisti inclusi: per aree geografiche (turchi e stranieri), stili e tecniche; molte opere non sono quelle più rappresentative del loro lavoro, ma pezzi unici e inaspettati. Qualche nome: Burhan Doğançay, Ömer Uluç, Fahrelnissa Zeid, Abdurrahman Öztoprak, Tracey Emin, Jan Fabre, Barbara Kruger, Cindy Sherman, Andy Warhol, Julian Schnabel, Sol LeWitt, Peter Halley, Paul McCarthy, Gilbert & George, Robert Rauschenberg, Doug Aitken.

LEGGI ANCHE: Le gallerie d’arte a Istanbul, Mixer

LEGGI ANCHE: I musei di Istanbul, il SALT

Dal 2012, c’è il nuovo magnifico spazio espositivo sul terrazzo contornato dai grattacieli; ai giovani artisti sono invece dedicate le “project rooms“: campo libero per gli esordi dei più promettenti. Un’altra stanza accoglie invece un archivio degli artisti: documentazione di quelli che hanno partecipato alle rassegne o comunque sottoposto delle proposte, in libero accesso per i curatori e i collezionisti a caccia di novità; vengono persino realizzate attività didattiche per i bambini. Tutto a ingresso libero. L’11 febbraio è prevista una performance per un graffito d’autore, già in parte realizzato su di una parete del museo: vi terrò aggiornati, così come del calendario degli eventi.

Il museo è aperto dal mercoledì al venerdì con orario 10-17, il sabato con chiusura un’ora prima. E’ molto gradito l’I like sulla loro pagina Facebook.

Proje 4L. Museo di arte contemporanea Elgiz
Beybi Giz Plaza Meydan sokak
Maslak – Istanbul

Precedente I 10 cibi che devi assaggiare assolutamente Successivo I libri su Istanbul, Rosso Istanbul (di Ferzan Özpetek)

Un commento su “I musei di Istanbul, il Museo di arte contemporanea Elgiz

  1. Pingback: Istanbul, Europa: I musei di Istanbul, il Museo di arte contemporanea Elgiz | Istanbul, Avrupa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.