Da Nello’s a Bağdat Caddesi

Negli anni passati ho scritto più di qualche articolo – per Time Out, per The Guide Istanbul, per altre pubblicazioni italiane – su alcuni ristoranti italiani di qualità a Istanbul: sui migliori e autentici, ben diversi da quelli turchi travestiti che offrono una cucina italo-americana fuori moda e poco appetibile.

LEGGI ANCHE: Le pizzerie a Istanbul, Il Pellicano

Mancava l’alternativa, cioè un posto sempre autentico ma molto più rilassato rispetto al fine-dining o comunque meno costoso. Questa alternativa è finalmente arrivata: Nello’s, a Bağdat Caddesi (su di una viuzza laterale, a poca distanza dall’arteria più modaiola della sponda asiatica di Istanbul).

Nello Croce, con esperienze significative da Carluccio’s prima in Inghilterra e poi qui, mi ha spiegato che il suo non è un ristorante vero e proprio ma qualcosa in più: è un locale dove mangiare piatti tradizionali ma anche bere in un ambiente accogliente un aperitivo, un bicchiere di vino, un caffè. “Un ristorante butik”, lo chiama lui: non eccessivamente impegnativo e formale, ma raffinatamente italiano a partire dagli arredi confortevoli e dal servizio caloroso.

LEGGI ANCHE: Il ristorante Italia di Massimo Bottura

Come tutti gli altri chef italiani che lavorano in Turchia, nella nostra chiacchierata ha insistito molto sull’importanza degli ingredienti di qualità: tutti selezionati da loro, a partire da frutta e verdura comprati direttamente al mercato e non dai distributori; italianissimo il caffè Borbone, italo-turche la mozzarella e la burrata: quelle straordinarie di Buffa, di cui ho parlato in precedenza.

Sono andato per un pranzetto veloce alcuni giorni fa: ho mangiato la lasagna che è una sua specialità e profuma di casa (tra l’altro, presentata in modo accattivante) e un tiramisù fatto come si deve (i prodotti di qualità si sentivano, i savoiardi c’erano sul serio!). I prezzi sono anche molto competitivi, rispetto alla concorrenza.

LEGGI ANCHE: Buffa, la mozzarella italiana di Istanbul

Tra l’altro, Nello vuole trasformare il suo locale in un punto di attrazione attraverso eventi e serate speciali. Da settembre ci musica dal vivo nel fine settimana e aperitivo – paghi la bevanda (prosecco, cocktails), usufruisci del buffet – almeno una volta a settimana. E poi altre sorprese, che verranno puntualmente segnalate sul blog.

Precedente Il proibizionismo esasperato in Turchia (fake news) Successivo Quel che resta del palazzo bizantino del Boukoleon

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.