Crea sito

La nuova metro per l’aeroporto Sabiha Gökçen

sabiha2

No, un paio di sparatorie e un attacco esplosivo (in un’area ultra-periferica) non bastano per trasformare Istanbul in una nuova Kabul: e anzi, le autorità locali proseguono imperterrite nella sua trasformazione in megalopoli sempre meglio organizzata e funzionale. Sì, molti dei turisti italiani – bersagliati da un’informazione poco accurata – sono sorpresi di trovare una città “pulita”, in cui i mezzi pubblici funzionano ragionevolmente bene.

LEGGI ANCHE: Guida ai trasporti di Istanbul

LEGGI ANCHE: Guida ai trasporti di Istanbul, la Istanbulkart

LEGGI ANCHE: Il nuovo sistema dei trasporti di Istanbul

LEGGI ANCHE: Guida ai trasporti di Istanbul, il Marmaray

LEGGI ANCHE: Guida ai trasporti di Istanbul, il Metrobüs

L’ultima iniziativa: l’inizio dei lavori per prolungare la metro della sponda asiatica, che parte dal porto di Kadıköy (raggiungibile via traghetto dalla sponda europea) e s’interseca nelle fermate successive col Marmaray e col Metrobüs, fino all’aeroporto Sabiha Gökçen. Ci vorranno tre anni per completare l’opera, poi Kadıköy sarà raggiungibile in 46 minuti e la sponda europea in poco più di un’ora (trasbordo sul Marmaray compreso): e non ci sarà più bisogno di viaggi col bus in autostrada, che comportano rischi di ingorghi – specie dalle parti del ponte sul Bosforo – e ritardi clamorosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.