Omero: tutto quello che c’è da sapere

Si apre il 27 marzo al Louvre di Lens una mostra straordinaria su Omero, il Principe dei poeti. Visto che mi sono occupato del nuovo museo archeologico di Troia, con alcuni articoli, ho deciso di scriverne anche stavolta, per Il Giornale dell’Arte.

LEGGI ANCHE: Il nuovo museo di Troia, finalmente aperto

L’articolo completo lo trovate nel numero in edicola, quello di marzo; qui come sempre potete leggere un paio di passaggi significativi (ho intervistato uno dei curatori, Alexandre Farnoux, che è il direttore dell’École française di Atene).

LEGGI ANCHE: Il museo della storia e del mito di Troia (su Al-Monitor)

Chi era Omero? Ma è mai esistito, un Omero? Dov’è nato? Quand’è vissuto? Era cieco, come da tradizione? Ha scritto davvero lui – e da solo – l’Iliade e l’Odissea, oltre ad altre opere andate perdute? Soprattutto: come si spiega l’affascinante e ininterrotta influenza del “principe dei poeti” sulla cultura occidentale, sulle arti come sulla formazione scolastica? A tutte queste domande cerca di rispondere la grande mostra “Homère”, in programma dal 27 marzo al 22 luglio nella sede di Lens del Louvre.

[…]

Tra le 250 opere d’ispirazione omerica esposte, che spaziano da oggetti di provenienza archeologica alle arti del XXI secolo, ci sono infatti delle litografie di Marc Chagall che raffigurano Polifemo o Ulisse e le Sirene, insieme a quadri di Rubens, Robert, Corot, Watteau, Moreau, Waterhouse, Twombly. Uno spazio privilegiato è poi riservato a musica e cinema: vengono riprodotti brani e video di opere musicali da Il ritorno d’Ulisse in patria di Monteverdi alle Sirènes di Debussy, di film dai peplum degli anni ’50 ai blockbuster hollywoodiani come Troy; dei concerti a tema figurano anche nel calendario di eventi paralleli.

[…]

Precedente La vera storia della torre di Leandro Successivo Salvini e il fascino ancestrale del turco

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.