Otranto 1480 e i martiri fasulli

Già pubblicato – dovete cliccare qui, per leggere tutto l’articolo – su Barbadillo.it: il primo di una lunga serie.

L’informazione internazionale sulla Turchia è impestata di pregiudizi, strumentalizzazioni e notizie fasulle. Il bersaglio è lo stesso per tutti, l’islam politico al governo e soprattutto Recep Tayyip Erdoğan che ne è il più visibile rappresentante.

Episodi isolati di fanatismo e intolleranza vengono decontestualizzati e offerti come prova di una non meglio definita “islamizzazione”, lo stesso presidente è oggetto di una campagna di delegittimazione e demonizzazione senza limiti al grido di “autoritarismo” e “dittatura”, tutto ciò che invece rivela manifestazioni sedimentate di convivenza tra religioni ed etnie viene rimosso dallo spazio mediatico.

Emerge una realtà alternativa e catastrofista rispetto a quella oggettiva, pur problematica e difficile soprattutto per il prevalere di forme illiberali di esercizio del potere.

Nulla di nuovo, in effetti. Lo dimostra – al di là dei suoi intenti e del suo approccio, puramente storiografici – Otranto 1480. Il sultano, la strage, la conquista di Vito Bianchi (Laterza, 2016), che è archeologo, saggista di qualità, animatore culturale lungimirante.

Il saggio di Bianchi analizza la campagna ottomana del 1480 – lo sbarco in Puglia, la conquista e l’eccidio di Otranto allora dominio aragonese, la successiva memorializzazione – ricostruendo minuziosamente le confliggenti ambizioni geopolitiche o dinastiche (o persino personali) e le intricate dinamiche diplomatiche in un’Italia divisa in statarelli che produssero quei drammatici eventi, nel più vasto contesto di un proclamato “scontro tra civiltà” – Occidente cristiano da preservare vs. Oriente musulmano minacciosoante litteram.

[…]

Quel che accadde a Otranto tra il luglio e l’agosto del 1480 è piuttosto lineare. Alle richieste di resa da parte del grande ammiraglio e sangiacco di Valona, Gedik Ahmed paşa forte di circa 15.000 uomini, gli assediati risposero con un colpo di bombarda e con l’impalamento di alcuni soldati ottomani in precedenza catturati; dopo aver annientato le difese, gli ottomani misero a ferro e fuoco la città con “rabbiosa frenesia”, spedirono fanciulle e fanciulli a Istanbul come schiavi, decapitarono pubblicamente 800 superstiti.

Questi ultimi, le cui spoglie riposano in parte nella cattedrale salentina e in parte nella chiesa napoletana di Santa Caterina a Formiello, già per secoli considerati “martiri della fede“, sono stati definitivamente canonizzati da papa Francesco nel 2013.

Ma l’interpretazione in chiave religiosa, nata immediatamente dopo l’eccidio, non regge al vaglio dei fatti. E anche in questo caso con minuzia di dettagli e logica convincente, Bianchi spiega come il trattamento spietato riservato agli otrantini fu causato più semplicemente dal rifiuto alla resa, che per prassi consolidata non prevedeva la conversione forzata all’islam: “non vi fu niente di religioso in quel massacro, che più prosaicamente era lo strascico di una contesa atroce, la maniera cruenta, terribile eppure usuale, di regolare nelle guerre i conti con gli sconfitti. Non vi fu alcuna richiesta di abiura, nessun ricatto di fede o martirio cristiano“.

Un falso storico, uno dei tanti: una strumentalizzazione che ha alimentato – e alimenta – pregiudizi e “va di pari passo con la tentazione di ergere barriere brutali fra culture e popoli”.

Precedente Iftar al Divan, per un Ramadan gourmet Successivo L'Istanbul Modern di Renzo Piano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.