Palazzi, residenze estive e padiglioni Ottomani

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Quando si parla dello splendore dei Palazzi Istanbuliani ci si riferisce ai Palazzi Imperiali e Padiglioni dal periodo ottomano (1299-1923). Dopo la presa di Costantinopoli da parte del Sultano Mehmet il Conquistatore nel 1453, molti palazzi furono costruiti in città. Alla residenza imperiale – il celeberrimo Topkapi Palace, furono affiancati il Dolmabahce e l’Yildiz, e per i periodi estivi, in posti strategici e di rara bellezza, furono eretti padiglioni e residenze di caccia a servizio alla famiglia imperiale e dei vari Sultani.

Vediamo i più belli! Occhio: per chi volesse visitarli, sono quasi tutti chiusi il Lunedì e Govedì.

Yildiz Palace
Gli ombreggiati e tranquilli Giardini del Palazzo Yildiz sono amatissimi dagli Istanbuliani. Un ponte collega il Palazzo Yildiz con il Palazzo Çırağan sul Bosforo attraverso il giardino, a Besiktas. E ‘stato completato da Abdulhamit 11 alla fine del 19 ° secolo. Il palazzo di Yildiz e’ il quarto palazzo ottomano costruito ad Istanbul dopo la conquista di Costantinopoli. Situato in un grande parco di tulipani, piante e alberi portati da ogni parte del mondo, il palazzo offre un bellissimo panorama del Bosforo. Il chiosco di Malta e’ situato nel parco di Yildiz. Costruito nella meta’ del 19esimo secolo dal sultano Abdulaziz in questo parco boscoso, era utilizzato come palazzetto di riposo estivo e meta di lunghe passeggiate bucoliche per i sultani e le loro concubine. Il chiosco ha uno stile europeo con i capitelli di colonne con dei fogli di Acanto, e una bellissima fontana di marmo all’entrata. Il Padiglione Chalet rivela il lusso in cui vivevano i sultani: costruito nel 1898 dall’architetto italiano Raimondo D’Aronco, offre una delle viste panoramiche più belle del Bosforo. Chiusura: a rotazione, martedì, lunedì e giovedì.

Goksu-Kucuksu Palace
Il Palazzo Goksu, costruito da Abdulmecit a metà del 19 ° secolo. è conosciuto anche come Kucuksu, dal nome del vicino torrente. Situato nel quartiere di Kucuksu Beykoz, quartiere sulla riva asiatica del Bosforo, sembra una miniatura del Dolmabahce! Elegante e compatto, era usato come residenza estiva e palazzina di caccia, per brevi periodi. Aperto tutti i giorni tranne il Lunedi e Giovedi.

Padiglione Aynalikavak
Originariamente costruito nel 18 ° secolo e successivamente restaurato da vari sultani, il Aynali Kavak Estate Padiglione assunto il suo nome “foresta di specchi” quando i suoi famosi specchi appunto, dono dei veneziani, furono installati nel 1718. Questo palazzo sul Corno d’Oro è uno dei più begli esempi di architettura tradizionale ottomana. Aperto tutti i giorni tranne il Lunedi e Giovedi.

Aynalikavak Kasri
Il padiglione di Aynalikavak e’ situato vicino al quartiere di Haskoy sul Corno d’Oro. Il complesso era conosciuto dalla gente come il Palazzo del cantiere navale. Il padiglione con soffitto a cupola ospita una stanza del Consiglio, una sala di udienze decorati con le firme dei sultani, nonché diversi esempi di calligrafia. Nel piano inferiore si trova una sala di riparazione per i vecchi strumenti musicali turchi dove spesso si tengono concerti di musica d’epoca. Il Aynalikavak fu aperto al pubblico come museo nel 1985. Aperto tutti i gorni tranne Lunedi e Giovedi.

Beylerbeyi Palace
Beylerbeyi originariamente fu la residenza del governatore generale dell’Anatolia, ma fu ricostruito nel 1861-1865 dagli architetti Sarkis Balyan e Agop Balyan in un’architettura neo-barocca. Il palazzo fungeva da residenza estiva, e fu costruito su due piani principali per ottenere una vista mozzafiato sul Bosforo. Ci sono complessivamente tre entrate, 6 sale grandi e 26 stanze. Si trova dalle parti del quartiere di Beylerbeyi, al nord del comune di Uskudar, sulla sponda asiatica. Chiuso il Lunedì e il Giovedì.

Ciragan
Il palazzo era costruito verso la fine del diciannovesimo secolo con l’aiuto dei prestiti finanziari ottenuti per la ristrutturazione del sistema fognario di Istanbul e della costruzione di una nuova ferrovia. La costruzione duro’ 12 anni e questo fu l’ultimo palazzo costruito dagli Ottomani per la famiglia imperiale. L’edificio principale fu distrutto da un incendio il 6 gennaio 1910: la parte principale, rinnovata alla fine degli anni ottanta, nelle vesti di albergo, riaperto al pubblico nel 1992. Le altre costruzioni sopravvissute oggi sono usate come scuole. Aperto tutti i giorni, e’ un albergo di lusso: il Ciragan Palace Kempinski.

Padiglione Florya Ataturk
Il Padiglione Florya Ataturk, già residenza estiva per il presidente turco, fu costruito nel 1935 con un disegno a forma di T su un terreno a strapiombo sul Mar di Marmara. Questo edificio è una vera e propria vetrina per alcuni dei migliori esempi di arredo della prima metà del 20 ° secolo. Vista spettacolare. Aperto nei giorni feriali tranne Lunedi e Giovedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.