Il Pantokrator, la chiesa-moschea sulla collina di Zeyrek

Nei giorni scorsi, sono stato finalmente a visitare il mega-complesso di Zeyrek: chiese bizantine che facevano parte di un grande monastero, trasformate in moschea dopo la conquista ottomana (Molla Zeyrek Camii). Non è ancora interamente aperto, da anni sono in corso dei lavori di restauro: realizzati in modo davvero splendido!

Il complesso risale al XII secolo, in più fasi: il monastero con chiesa dedicata a Cristo Pantokrator (“colui che domina tutto”: raffigurato maestosamente su di un trono, come nei mosaici di Hagia Sophia), un’altra chiesa aperta i fedeli e dedicata alla Vergine misericordiosa, una cappella per unirle che ha preso la funzione di mausoleo per le famiglie imperiali dei Comneni e dei Paleologi.

Dopo la conquista dei Crociati nel 1204 divenne chiesa latina (cattolica, cioè), mentre il monastero ospitò l’imperatore Baldovino; dopo la conquista ottomana i tre edifici uniti vennero trasformati in moschea, mentre il monastero prese la funzione di scuola coranica: il nome Molla Zeyrek è quello di un suo celebre insegnante, poi esteso a tutta la collina. Dopo Hagia Sophia, era il più grande edificio religioso di tutta Costantinopoli.

LEGGI ANCHE: Le catacombe sotto Ayasofya (Santa Sofia)

Il complesso si trova nel quartiere di Fatih, a poca distanza dall’acquedotto romano di Valente: visto che domina l’altura – e dalla strada, il bulevar Atatürk, si scorge in tutto il suo splendore architettonico – è anche piuttosto facile da trovare. Il quartiere di Zeyrek tra l’altro fa parte dal 1985 – insieme alle mura di Teodosio, al quartiere di Sultanahmet e alla moschea di Solimano – della Lista del patrimonio dell’umanità dell’Unesco: la ragione sono delle case in legno ottomane perfettamente restaurate; ma sono poche e anche sperdute, il resto del quartiere è povero con abitazioni modeste e a volte scalcinate. Per strada si gioca a pallone, che spesso finisce al di là delle lamiere del cantiere: ma i ragazzini hanno scoperto come intrufolarsi per recuperarlo!

LEGGI ANCHE: Le chiese di Istanbul, Hagia Irene (Aya Irini)

LEGGI ANCHE: Le chiese di Istanbul, Santa Maria dei Mongoli

LEGGI ANCHE: Kalenderhane Camii, la chiesa bizantina diventata moschea sufi

LEGGI ANCHE: Le chiese-moschea di Istanbul, Pammakaristos-Fethiye

Fino ad oggi, sono state restaurate la chiesa esterna e la cappella imperiale: questa porzione della moschea è già aperta al culto, per i turisti gli unici momenti disponibili sono quelli della preghiera (altrimenti, rimane chiusa); la struttura ha subito dei cedimenti a causa di terremoti, adesso è stata sistemata e rinsaldata: dell’epoca bizantina rimane però poco, le decorazioni sono andate perdute e rimangono da vedere solo delle cornici e dei frammenti musivi o di battiscopa.

I restauratori con cui ho parlato mi hanno però raccontato che nel cantiere del Pantokrator vero e proprio il pavimento originario – in opus sectile marmoreo e colorato – è in ottimo stato di conservazione: e l’idea, dopo la fine dei lavori prevista per giugno/luglio, è di trovare il modo per farlo ammirare dai visitatori; del monastero non rimane invece molto, è stato quasi completamente distrutto nel corso del tempo.

In compenso, gli scavi archeologici che hanno preceduto – e poi accompagnato – i restauri, hanno permesso di stabilire che su quella grande collina, in posizione invidiabile, prima del monastero esisteva una grande e ricca villa romana (sono state rinvenute le fondazioni e poco altro).

LEGGI ANCHE: Itinerario n° 1 – Lungo le mura di Costantinopoli

LEGGI ANCHE: Istanbul romana, la Porta d’oro

LEGGI ANCHE: Istanbul romana, le ricostruzioni digitali di Byzantium 1200

LEGGI ANCHE: Itinerario n°3 – Fener e Balat

Vicino al complesso, un altro ambiente ottagonale – una biblioteca, forse? – è stato trasformato in sala di preghiera dai conquistatori ottomani: ha preso il nome di Şeyh Süleyman Mescidi, è anch’esso in fase di restauro con il coinvolgimento di imprese specializzate italiane (il progetto Med-Art, di cui magari vi parlo a lavori finiti). A questo link trovate invece la ricostruzione digitale del complesso del Pantokrator, realizzata dal progetto Byzantium 1200.

Precedente Aqua, cucina italiana in riva al Bosforo Successivo Le 10 cose da (assolutamente) fare a Istanbul a Pasqua

2 commenti su “Il Pantokrator, la chiesa-moschea sulla collina di Zeyrek

  1. Pingback: Istanbul, Europa: Il Pantokrator, la chiesa-moschea sulla collina di Zeyrek | Istanbul, Avrupa

  2. Pingback: Pasqua a Istanbul | Vivere Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.