Un viaggio nei siti archeologici della Turchia

(articolo già pubblicato su Il Giornale dell’Arte, nel numero di gennaio 2020: la recensione di un bellissimo libro francese sui siti archeologici turchi, famosi e sconosciuti…)

I viaggi nella Turchia antica di Jacques Des Courtils, Sébastien de Courtois e Ferrante Ferranti non hanno prodotto né una guida, né comunque un compendio esaustivo di siti archeologici nella penisola anatolica, già Asia minore. L’archeologo, lo scrittore (tutti e due anche protagonisti della diplomazia culturale francese a Istanbul) e il fotografo presentano invece in questo pregevole ed elegante volume di grande formato una selezione piuttosto eterogenea: Pergamo, Smyrna, Efeso, Didyma, Mileto, Cnidos, Xanthos, Afrodisia, Hierapolis.

siti archeologici
siti archeologici

Sono siti alcuni famosissimi, riconosciuti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e mete del turismo di massa, altri sconosciuti e comunque riservati a pochi e selezionati viaggiatori. Hanno quasi tutti in comune l’appartenenza geografica alla costa egea, alla Ionia; e l’epoca storica a cui appartengono la maggior parte delle rovine emerse, quella romana, che nasconde tracce di quella ellenistica.

LEGGI ANCHE: Turchia, il più grande museo del mondo

Des Courtils ripercorre le fasi concitate che hanno imposto all’area dominazioni, stili, trasformazioni religiose: dalla guerra di Troia alle ricche dinastie locali, dall’impero di Roma al cristianesimo e alla conquista ottomana; discute tematicamente fortificazioni e necropoli, teatri e stadi, templi e chiese; introduce le caratteristiche salienti, storiche, urbanistiche, artistiche, dei nove siti.

De Courtois aggiunge suggestioni, sguardi poetici, elementi nascosti; in più, si sofferma su ulteriori siti dall’accesso impervio, acropoli e insediamenti a strapiombo sul mare o nascosti tra le montagne: Arycanda, Loryma, Labraunda. Le fotografie di Ferrante offrono un commento visuale multiforme, un accompagnamento esplicativo ai viaggi: alterna il bianco e nero al colore, le vedute d’insieme ai dettagli architettonici, i paesaggi pittoreschi ai ritratti della statuaria.

Jacques Des Courtils e Sébastien de Courtois, Voyage en Turquie antique, 224 pp., ill. b/n e col., Actes Sud, Arles 2019, € 39,00

Precedente Patara, un anno di archeologia (2020 e 2021) Successivo Gentile Bellini, Maometto II e Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.