Le spose bambine e l’agenda segreta

Torno su di una notizia di qualche giorno fa, che come al solito ha rappresentato un buon pretesto per ribadire i soliti cliché della propaganda islamofoba che imperversa – in Italia forse più che altrove – da ormai 15 anni, da quando l’AKP di Erdoğan è al potere: le spose bambine, la fine della laicità, povero Atatürk, l’agenda segreta.

LEGGI ANCHE: Velo islamico obbligatorio in Turchia

Lo fa persino Il Sole 24 ore, quotidiano che si potrebbe ritenere più accurato perché rivolto alla classe dirigente: ma che sulla Turchia fa informazione in modo pessimo, per niente professionale (scopiazzando acriticamente i lanci d’agenzia).

La notizia in sé è molto semplice: i muftì, a tutti gli effetti impiegati dello Stato, con l’approvazione di una nuova legge potranno celebrare e registrare matrimoni civili. NON matrimoni religiosi, che anche oggi esistono ma che non hanno nessun effetto legale: NON cambia nulla rispetto ai requisiti richiesti (età compresa), se non chi può celebrarli.

LEGGI ANCHE: Erdoğan pedofilo

Scomodare le “spose bambine” – i matrimoni sotto età, celebrati nelle zone rurali del Paese, sono quelli religiosi e per l’appunto non hanno valore legale – significa commettere un grossolano errore: fuorviati dalla propaganda delle opposizioni – di matrice laicista – che nei media occidentali trovano costantemente sponde fertili ed entusiasti (cosa c’è di meglio che demonizzare l’islam?).

E avventurarsi in affermazioni del genere – “In realtà questo passo è l’ennesimo che l’Akp porta avanti seguendo quella che un tempo era chiamata <agenda islamica segreta> e che ora viene invece sbandierata senza problemi alla luce del sole e dei comizi politici.” – significa non avere la benché minima idea dell’argomento affrontato.

LEGGI ANCHE: Lucia Goracci e le donne nere

Chiudo però con un’altra frase, ancor più raccapricciante: “Sono purtroppo lontani i tempi dei ragazzi e delle ragazze di Gezi Park”. Come? Purtroppo? In che senso, “purtroppo”? Cioè, un giornalista ha il coraggio di rimpiangere violenze di piazza – con morti, feriti e distruzioni in abbondanza – solo perché non si gradisce chi è al governo? Purtroppo? No, dico: neanche ci prova a essere imparziale, ma confessa apertamente per chi fa il tifo? Che vergogna!

Precedente Come deve vestirsi una donna ad Istanbul? Successivo Gruppo estremista contro la Biennale di Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.