Tempo di Kandil! E presto, di Ramazan…

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Una cosa è certa: i turchi hanno un modo tutto speciale di seguire l’Islam. Il loro è quasi un islam “personalizzato”, specie qui a Istanbul!

Un gran numero di turchi musulmani non rinunciano infatti a una piacevole bevanda alcolica, una birra o un raki dopo il pasto, un po’ l’equivalente del nostro ammazaccafé. Inoltre fumano, una sigaretta dietro l’altra. Non a caso, si dice: fumi come un turco

Ai turchi Istanbuliani piace – senza ombra di dubbio – godersi la vita, cercando però di rispettare le occasioni religiose importanti come il Ramadan (Ramazan in turco) o i cinque giorni del Kandil.

Kandil – letteralmente, candela – designa le cinque serate sante del calendario islamico. Nelle cinque notti del Kandil tutte le moschee vengono illuminate e i credenti pregano per ricevere il perdono dei peccati, la redenzione e la saggezza.Durante queste ricorrenze tutto cambia! A esser sincera, da laica quale sono, non vedo l’ora di sperimentare il mio primo Ramazan. L’atmosfera di Istanbul, proprio nel bel mezzo della stagione turistica, cambierà.

Quest’anno il Ramazan è ad agosto, e per trenta giorni ogni buon musulmano non lascierà passare nulla sulle labbra durante le ore diurne: dodici ore senza mangiare, bere, fumare, senza neppure leccare un francobollo! Alcuni ristoranti e locali notturni rimarranno chiusi: è bene che ne teniate conto, qualora abbiate intenzione di venire in vacanza a Istanbul durante il Ramazan.

Vedremo. Intanto, il venerdì del Kandil si avvicina.

Le 5 date del Kandil cambiano ogni anno, in base a calcoli astronomici. Quest’anno abbiamo:
Mevlid Kandili – La nascita del Profeta Mohammad (14 febbraio 2011)
Regaip Kandili – L’inizio della gravidanza della madre Profeta Mohammad (2 giugno 2011)
Mirac Kandili – Profeta Mohammad sale al cielo (28 giugno 2011)
Berat Kandili – Il perdono dei peccati (15 luglio 2011)
Kadir Gecesi – prima apparizione del Corano al Profeta Mohammad (26 agosto 2011)

Il che significa che presto avremo modo di vedere le moschee completamente illuminate a festa, in occasione del perdono di tutti i peccati! Le notti della candela sono senza dubbio speciali. Durante queste notti, infatti, i musulmani osservanti cantano il Mevlit, in onore della nascita del profeta Maometto; i giovani vanno a rendere omaggio ai membri più anziani della famiglia (nella versione più “soft” basta anche una semplice telefonata!).

E’ anche l’occasione per assaggiare qualche dolce speciale. Le pasticcerie e panetterie sfornano i Kandil Simidi – il tradizionale anello di pane croccante cosparso di semi di sesamo, e in casa si prepara l’helva, squisito dolce di semola o di pasta si sesamo – e il dolcissimo e “sciropposo” Lokma tatlısı.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.