La Turchia turistica di Tim Landis

Tim Landis è un fotografo americano specializzato in viaggi, a quanto pare molto famoso sui social networks. Ha da poco realizzato un progetto per la Turchia, con alcuni video realizzati – insieme alla sua famigliola – a Izmir, Efeso, Daylan e in Cappadocia. Un progetto in tutto e per tutto simile a quello della Lonely Planet di cui ho parlato l’altro giorno.

LEGGI ANCHE: La Turchia e il turismo della Lonely Planet

Ora, io non posso che apprezzare questo attivismo, queste iniziative che possono sicuramente essere utili a rilanciare il turismo in Turchia dopo due anni di crisi – le ragioni: terrorismo e colpo di Stato – seguiti però da un 2017 di incoraggiante ripresa.

LEGGI ANCHE: Marta Ottaviani dà i numeri (sul turismo in Turchia)

Tuttavia, non posso evitare un paio di considerazioni critiche. La prima, è questi progetti che danno un’immagine da cartolina della Turchia non servono però a combattere i pregiudizi anti-turchi e la disinformazione islamofoba che furoreggia sui media generalisti. Serve una strategia diversa, per rassicurare chi teme attentati e rapimenti o la cosiddetta “islamizzazione”.

LEGGI ANCHE: Turiste in pericolo in Turchia

Inoltre, l’immagine che traspare è quella di una Turchia idilliaca, ma povera e ancora arretrata. Una Turchia accogliente e autentica, direbbero altri; e dopotutto, ci si rivolge al turismo di massa, per definizione banale e superficiale. Mi chiedo: perché invece non spostare il target, mostrando contemporaneamente i servizi – hotel, ristorazione – di qualità, persino di lusso? Il design, le creazioni artistiche? Affidandosi magari a persone che la Turchia la vivono e la conoscono in profondità.

Precedente I relitti di Yenikapı in mostra a Istanbul Successivo La nuova chiesa di San Giorgio a Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.