Il museo della storia e del mito di Troia (su Al-Monitor)

L’inaugurazione ufficiale del nuovo museo di Troia è stata più volte rimandata – è saltata anche quella prevista per oggi, 9 novembre – e al momento ancora non è stata fissata una prossima data. E’ però aperto e funzionante: e per tutti gli appassionati di archeologia è motivo sufficiente per un viaggio in Turchia.

LEGGI ANCHE: Il nuovo museo di Troia

Io ne ho scritto anche per Al-Monitor, cercando di mettere in evidenza – per lettori internazionali – la centralità di Troia nell’immaginario culturale europeo e come episodio archetipo dello scontro inesauribile tra Oriente e Occidente. Qui potete leggere un assaggio, per il resto vi rimando al link originale: Turkey caps off Year of Troy with new museum.

LEGGI ANCHE: L’anno di Troia e la diplomazia della Turchia

A treacherous wooden horse, a blind Greek poet from Smyrna, a thrilling archaeological rediscovery — Troy is an essential component of Europe’s cultural memory and imagery, both as history and as literary myth. It is where the West fought the East for the first time three millennia ago, starting a rivalry not yet extinguished and giving inspiration to artists from Homer’s epic Iliad to Hollywood’s 2004 blockbuster.

It is in Turkey, in the Biga Peninsula — the Troad of ancient times — on the eastern shore of the Dardanelles, at a strategic crossing point linking two continents across the Aegean Sea. The brand-new Troya Muzesi (Troy Museum), which is open to the visitors but still awaiting an official inauguration, is a long-needed complement and lively introduction to the excavation site just a kilometer away, part of the Unesco World Heritage List since 1998.

[…]

Precedente La Turchia e i pregiudizi degli italiani (sempre peggio) Successivo Come arrivare al nuovo aeroporto di Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.