Spuntano (già) i primi tulipani a Istanbul

Tulipani

Il festival dei tulipani, a Istanbul, si tiene ad aprile: milioni e milioni di bulbi che vengono piantati nei parchi e persino nelle aiuole, così da dare alla città un magnifico aspetto colorato. In effetti, sono le due prime settimane a essere quelle più propizie, nelle due seguenti i fiori cominciano ad appassire e lo spettacolo perde di attrattiva.

Quest’anno, a fine marzo, ne abbiamo già un corposo assaggio. Le foto le ho scattate stamattina nel parco vicino casa, a Göztepe: come potete vedere la fioritura dei tulipani è già in atto ma non ancora nella sua pienezza, altri bulbi ancora spettano per schiudersi. Pochi giorni ancora e – come faccio ogni anno – tornerò nei parchi, lì e altrove.

LEGGI ANCHE: Il Festival dei tulipani a Istanbul 2015 

Anzi, vi consiglio di leggere i post degli anni passati sia per avere informazioni sul festival (come funziona, dove sono le sedi, quali gli eventi in programma), sia per altre splendide foto. Splendide non perché le faccia io, eh: splendide perché sia i fiori sia il contesto sono davvero eccezionali. Un motivo in più per venire a Istanbul, in questo periodo (che è comunque quello che consiglio in generale, per motivi climatici)!

LEGGI ANCHE: I tulipani di Istanbul 2016

Riproduco solo un passaggio essenziale, di un altro vecchio post. “Il tulipano era il fiore preferito dei sultani. L’inizio del XVIII – una fase di grande esuberanza artistica e di vasta diffusione del bulbo più famoso al mondo – venne chiamato Lâle Devri (l’era dei tulipani), i caftani imperiali – ricordo una fantastica mostra al Louvre nel 2010 – erano impreziositi da raffigurazioni (logo ante litteram) di tulipani. La stessa parola turca – di derivazione persiana – lâle, ha un valore anche religioso: perché contiene le stesse consonanti di Allah.”

Tulipani
Tulipani
Tulipani
Tulipani
Tulipani
Tulipani
Tulipani

Precedente Lorenzo Orsetti, estremista italiano, ucciso in Siria Successivo Un gallo nero a passeggio per Istanbul

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.