Crea sito

Il grande progetto di modernizzazione della Turchia (su Aspenia)

Qualche mia riflessione sul modo in cui Erdoğan ha trasformato la Turchia attraverso lo sviluppo economico, su come ha utilizzato i successi in campo economico per consolidare il suo potere.

L’Articolo completo potete leggerlo su Aspenia: Il grande progetto di modernizzazione della Turchia, in stile Erdoğan.

Erdoğan ha vinto di nuovo in virtù dei successi consolidati in campo economico e di tassi di crescita invidiabili (il Pil è aumentato del 7,4% sia nel 2017, sia nel primo trimestre del 2018)? Oppure ha vinto nonostante gli squilibri sempre più marcati del quadro macroeconomico – lira turca in inarrestabile svalutazione, inflazione stabilmente in doppia cifra, deficit delle partite correnti in aumento, tassi d’interesse ormai al 17,75% – che fanno temere un imminente hard landing?

Del resto, molti analisti hanno interpretato la decisione del presidente di anticipare le doppie elezioni, inizialmente previste per il 3 novembre del 2019, proprio come una contromisura preventiva: scegliere di votare subito ha evitato che, in caso di peggioramento della situazione economica, gli elettori se la prendessero col presidente.

[…]

La chiave di volta di questo progetto insieme economico e politico – dopo aver messo sotto controllo deficit, debito e inflazione – è stata la trasformazione del tessuto produttivo, sempre più imperniato non sui grandi gruppi industriali sostenuti dall’espansione del mercato interno ma sulle piccole e medie imprese dell’Anatolia orientate all’esportazione. Per renderle sufficientemente competitive, è stato necessario un grandioso piano infrastrutturale – il modello di finanziamento prevalente, la partnership pubblico-privato – per innervare tutta la penisola Anatolica di autostrade, linee ferroviarie ad alta velocità sui corridoi eurasiatici (parte del progetto della Nuova via della Seta), ponti e tunnel per ridurre i tempi di percorrenza, porti commerciali, aeroporti.

L’applicazione di questo modello di sviluppo ha avuto come conseguenza diretta la creazione di una nuova classe media, conservatrice, elettoralmente fedele all’AKP e al contempo proiettata verso la modernità (sono state aperte università un po’ dappertutto), che ha favorito la crescita economica alimentando i consumi interni. Agli estremi opposti del sistema socio-economico hanno tratto poi benefici sia nuovi gruppi industriali legati al governo e alle sue commesse (difesa, costruzioni), sia le classi più modeste che continuano ad apprezzare le iniziative di welfare soprattutto in ambito sanitario e di edilizia pubblica.

[…]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.