Turkey Home, la Turchia sui social networks

I media locali oggi riportano dati sulla campagna pubblicitaria “Turkey Home – lanciata 3 anni fa per promuovere il turismo – e sui risultati raggiunti online. Parlano di oltre 6 milioni e mezzo di follower vari: 4.870.000 su Facebook, 767.000 su Twitter, 481.000 su Google, 361.000 su Instagram, 32.000 su YouTube, 14,000 su LinkedIn e 6.280 su Pinterest.

LEGGI ANCHE: La Turchia e il turismo della Lonely Planet

Io ribadisco tutte le mie perplessità. Innanzitutto, viene evidenziata esclusivamente la dimensione quantitativa: per l’appunto, il totale dei followers. Ma qualcuno si è preoccupato di studiare l’impatto di questa presenza online? Se cioè c’è stato un impatto positivo, se il materiale diffuso online ha modificato la percezione dell’opinione pubblica – storicamente negativa, manipolata in senso ostile – sulla Turchia?

LEGGI ANCHE: La Turchia turistica di Tim Landis

Inoltre, queste campagne veicolano prevalentemente immagini da cartolina e un’idea idilliaca della Turchia: paesaggi incontaminati, luoghi storici più o meno famosi, soprattutto spiagge&mare, cucina tradizionale. Ci si rivolge al turismo di massa, non trovano posto quei servizi di qualità – hotel di lusso, ristoranti con ricette e presentazioni rinnovate – che potrebbero contribuire a raggiungere potenziali visitatori più esigenti e dal potere di spesa maggiore.

A proposito di spesa, tra l’altro, mi piacerebbe scoprire quant’è che la Turchia ha speso complessivamente per questa campagna.

Precedente La nuova chiesa di San Giorgio a Istanbul Successivo Musulmano di 35 anni sposa bambina di 9

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.