Crea sito

In vacanza in Turchia, Aphrodisias

A00

(post originariamente scritto nell’aprile 2013)

Ultima tappa del mio tour archeologico: dopo Pamukkale/Hierapolis e Laodicea, è la volta di Aphrodisias nella regione della Caria. Già il nome è evocativo: e il sito si è rivelato splendido, andando addirittura oltre le mie migliori aspettative!

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Assos

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Pamukkale e Hierapolis

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Laodicea e l’Apocalisse

Anche in questo caso, vi risparmio la maggior parte dei dettagli: mi limito a dirvi che è ovviamente legata al culto di Afrodite (in realtà, si tratta della “Grande madre anatolica”), che è stata abitata già nel neolitico (rinvenimenti sull’arcopoli), che è stata greca e poi romana e cristiana, che i suoi marmi erano famosi in tutto il mondo romano, che è stata colpita da numerosi terremoti fino a essere abbandonata nel XIV secolo, che è stata scavata dagli anni ’60 agli anni ’90 dal turco-americano Kenan Erim (è morto “sul campo”, la sua tomba – che vedete nelle foto – è all’interno degli scavi), che sono stati riportati alla luce solo gli edifici pubblici e non i quartieri residenziali, che è oggi soggetta ad allagamenti.

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Kaş

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Patara

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Myra (e San Nicola)

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Xanthos e Letoon

LEGGI ANCHE: In vacanza in Turchia, Kekova e Simena

Arrivarci è un po’ complicato, le strade in alcuni tratti lasciano palesemente a desiderare; da Pamukkale, abbiamo preso un trasporto privato, un van da 9 posti – ma eravamo soltanto in quattro – che parte in mattinata e ritorna nel primo pomeriggio (il tempo di percorrenza è di un’ora, un’ora e mezza): ti lascia 3 ore di tempo per la visita, che in virtù dell’estensione limitata dell’area archeologica sono sufficienti. Ma attenzione, ad Aphrodisias c’è anche un bellissimo museo con dei pezzi eccezionali: assolutamente da non perdere! Più in generale, i servizi al turista sono ottimi: tutto è ben organizzato, i pannelli informativi essenziali e nei posti giusti, le indicazioni perfette, la pulizia impeccabile, il punto ristoro e quello per la vendita di souvenir ben gestiti.

Abbiamo ovviamente visto ogni cosa: il tetrapylon ricostruito (con gli elementi originali), il tempio di Afrodite poi trasformato in chiesa, il bouleuterion, l’agorà e le terme adrianee, il teatro, il Sebasteion o Augusteum dedicato ad Afrodite e al Divo Augusto, lo stadio. Faccio parlare le foto, che testimoniano raffinatezza e opulenza; le ultime raffigurano alcuni elementi del fregio del Sebasteion, conservati nel piccolo museo.

A01
A02
A03
A04A05
A06
A08
A09
A10
A11
A12
A13
A14

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.