Crea sito

Yenikapı, la stazione archeologica di Istanbul

Yenikapı

Giovedì ho partecipato a un’interessante escursione esplorativa, organizzata dall’Istituto francese di studi anatolici (molti stati hanno creato a Istanbul dei centri di ricerca, l’Italia ovviamente no!): al cantiere della metropolitana di Yenikapı e al suo contesto urbanistico; non una stazione qualunque, ma uno degli snodi principali della linea Marmaray che collegherà direttamente – attraverso il tunnel sotto il Bosforo – la sponda occidentale e la sponda orientale della città. Yenikapı, quartiere della penisola storica sulle rive del mar di Marmara, si trasformerà in un gigantesco nodo di scambio: è già porto per i collegamenti urbani ed extra-urbani della Ido e fermata della metro da superficie di periferia, potrebbe diventare anche porto per le navi da crociera e terminale ferroviario.

LEGGI ANCHE: Le stazioni di Istanbul, Sirkeci (e l’Orient Express)

Si tratta di un cantiere, perché – come potete vedere dalle foto – i lavori sono ancora in corso; i tempi previsti erano diversi, come forse saprete delle straordinarie scoperte archeologiche – soprattutto il porto di Teodosio e le sue 35 navi di epoca bizantina naufragate, oltre a un insediamento vecchio di 8500 anni – hanno consigliato di rivedere drasticamente i piani: l’idea è di trasformare l’area in un parco archeologico dove esporre i fantastici ritrovamenti, lo scorso anno è stato lanciato un concorso di progettazione che ha avuto tre vincitori ma poi non se ne è saputo più nulla (tutta la documentazione – compresi i poster di presentazione – può essere visionata qui).

LEGGI ANCHE: Le stazioni di Istanbul, Haydarpaşa

Per il momento le migliaia di casse che contengono il materiale scavato, in attesa di essere studiato e recuperato; per vedere le navi in un museo, ci vorranno invece 5-10 anni. Dopo aver visto il cantiere dall’esterno, ci siamo inoltrati nel quartiere lì vicino: molto povero e abitato per lo più da immigrati, che secondo i piani – ma nulla è stato comunicato ufficialmente e nei dettagli – sarà investito da un radicale piano di recupero per renderlo compatibile con l’accoglienza ai turisti; alcune case verranno abbattute e altre recuperate, alcuni abitanti si aspettano negozi di souvenir e ricchezza. Nella piazzetta, una chiesetta armena: dove già erano in corso i preparativi per la Pasqua imminente.

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa

3 Risposte a “Yenikapı, la stazione archeologica di Istanbul”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.