Crea sito

Pietravairano e il teatro tempio di monte San Nicola

Pietravairano
Pietravairano

CENNI STORICI:

  • L’origine di Pietravairano non è nota, ma sicuramente fu abitato dai Sanniti, come dimostrano alcuni insediamenti rinvenuti sul Monte Caievola e sul Monte San Nicola, e successivamente dai Romani come provano le ville romane ritrovate in località Rivozzo e San Martino Vecchio di San Felice.
    Il nome del borgo deriva dall’antica denominazione “Terra della Pietra prope Vairanunm”, che può farsi risalire all’ambiente naturale in cui è sorto il paese, e al poco distante borgo di Vairano Patenora.
    Il documento più antico in cui è menzionato il castrum Petrae è del 1070 ed è conservato a Montecassino.
    Alla sommità del borgo si trova la torre medievale, di epoca angioina (XIII), inserita un complesso fortificato con torrette di avvistamento e vicinissima alla cappella di Santa Croce ove è possibile osservare una finestra medievale di ottima fattura.
    Durante il Medioevo Pietravairano appartenne alla Baronia di Roccaromana ed in seguito fu feudo dei Montaquila, dei Marzano, dei Consalvo e dei Grimaldi.
    Questi ultimi furono signori di Pietravairano fino alla fine del Feudalesimo (1806).
    Sul Monte San Nicola, poco distante dal borgo (verso Nord), sono stati ritrovati i resti di un insediamento di epoca preromana composti da un teatro ed un tempio. Il sito è ancora sotto indagine archeologica ed è stato restaurato recentemente (vedi foto). A pochi chilometri da Pietravairano sorge il borgo (ruderi) medievale di San Felice. Sono ancora visibili, anche se coperti da macerie, le stradine e una torre esagonale di epoca normanna.
  • E’ notizie ( febbraio 2020)  recente di un antico abitato con strade e sepolcri scoperto durante degli scavi di un metanodotto verso la frazione di San Felice. Probabilmente potrebbe trattarsi di un complesso abitato di epoca romana o sannita. 

COSA FARE:

  • Visitare il borgo antico con l’annessa torre e torrette di avvistamento; i ruderi di una villa (in località S. Lucia) repubblicana romana I secolo a.C.; resti romani e medievali presso la masseria Santoianni; i resti di una fortezza sannitica; la chiesa di S. Eraclio, (1129) custodisce una tavola della Madonna tra Santi (XVI secolo), e un bel organo (XVIII secolo); il Santuario di Santa Maria della Vigna con l’annesso convento prima domenicano e poi Francescano, conserva al suo interno, affreschi del XIV secolo e una pregevole tela dell’Assunzione attribuita a Gaetano Gigante, nella cripta sono visibili affreschi risalenti al XIV; il Santuario di Santa Maria del Monte; il borgo medievale la frazione di San Felice, con un bella torre a forma esagonale. Assolutamente da visitare il teatro tempio di epoca romana sul monte San Nicola, recentemente scoperto, presto si potrà raggiungere con la funicolare.
  • Una visita merita il Museo Contadino del signor Giuseppe Acquaro (tel. 0823984384)
  • Passeggiare nel borgo, attraverso viuzze suggestive e stradine gradonate e godersi il panorama dalla piazzetta antistante la chiesa di Sant’ Eraclio.
  • Perdevi, si fa per dire, tra le montagne che circondano Pietravairano alla ricerca delle fortificazioni megalitiche d’epoca sannita. Recentemente, grazie alle riprese aeree di Nicola Lombardi è stato individuato sul monte San Nicola un complesso archeologico costituito da un tempio e teatro e da teatro, posti in asse, su terrazze di gusto ellennistico e di età, probabilmente, tardo repubblicana. E’ consigliabile richiedere una guida.
  • Assaggiare e deliziarvi con piatti ispirati alla tradizione locale pranzando alla Locanda la Caveja. Una specialità da provare è ‘A frittata c’a napetella”. Tra gli ospiti d’onore del ristorante ricordiamo il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
  • Ricercare e acquistare i prodotti gastronomici locali: olio di oliva, prodotti da forno (pane, taralli all’olio di oliva freselle) e la mozzarella di bufala. Cercate. Cercate, gustate e tornate!
  • Inerpicarvi per sentieri sconosciuti sulle vicine montagne del Matese o sul vulcano spento di Roccamonfina; fare un’escursione in mountain bike o a cavallo … alla scoperta di luoghi d’incomparabile bellezza naturalistica. Un’escursione consigliata è quella sul Monte Fossato, per osservare i falchi che, sulla parete di una grande voragine, hanno trovato un ambiente adatto alla nidificazione. E’ consigliabile una guida.
  • Praticare il canottaggio, presso Il Centro Nautico e Stadio dell’Acqua di Presenzano (10 km da Pietravairano), diretto dal Campione del Mondo e Olimpionico Davide Tizzano (Tel. 0823 989008).
  • Vivere un po’ lontano dal frastuono di città e rilassarsi con lunghe passeggiate conoscendo la gente del luogo e gli usi e costumi locali.
  • Andare a pesca o a caccia. Il fiume Lete, il Volturno, i laghi delle Corree, di Vairano o i più distanti laghi del Matese permettono di praticare sia la pesca sportiva (trote, lucci, carpe, cavedani) sia semplicemente di trascorrere delle ore a contatto con la natura e in piena tranquillità (si può richiedere una guida). Gli amanti della caccia, nei periodi stabiliti dalla legge, possono cacciare il cinghiale, la volpe, la lepre e tante varietà di uccelli (folaghe, germani reali, ochette, beccace ecc.).
  • Andar a funghi nei mesi di settembre e ottobre (porcini, ovuli, gallinacci, mazze di tamburo, chiodini) o in cerca di asparagi da febbraio a maggio.
  • Soggiornare a Pietravairano, da maggio a settembre, per visitare anche luoghi e monumenti di tutta la Campania. Possibilità di alloggio nel Convento annesso al Santuario di Santa Maria delle Vigne.
  • Alcune manifestazioni d’interesse sono: Strapietravairano, III edizione, maratona amatoriale, si svolge il 1° maggio;  Festa dell’Agricoltura, 9 luglio; Festa Patronale di Sant’Eraclio e caratteristico volo dell’Angelo, 1° settembre. 
Teatro tempio di monte San Nicola

COME ARRIVARE:

  • Autostrada A1 Milano Napoli: uscita casello di Caianello. Prendere la Superstra Telesina ed uscire dopo 3 km a Pietravairano
  • Da Benevento: superstrada Telesina, uscita Pietravairano.

SCHEDA RAPIDA:

  • Provincia, Regione: Caserta, Campania
  • Abitanti: 3151
  • Densità: 93 per kmq
  • Superficie: Kmq 33
  • Altezza s.l.m.: 250
  • Distanza da Caserta: 43 Km
  • Frazioni: San Felice
  • Festa patronale: 24 luglio Sant’Eraclio
  • Fiere e mercati: ogni venerdì
  • Info Comune: Piazza Municipio (0823984122)
  • C.a.p.: 81050
  • WEB: http://www.pietravairano.gov.it/

Pubblicato da borghicastelli

Giulio D. Broccoli