5/11 Orban Viktor parla di vaccinazione, immigrazione e

5/11 Orban Viktor parla di vaccinazione, immigrazione e caro energia, crescita salariale e riduzione delle tasse, nella tradizionale intervista del venerdí mattina a Kossuth Radio.

Orban Viktor parla di vaccinazione

Orban Viktor parla di vaccinazione e chiede a tutti di vaccinarsi.
Cosí ha iniziato Orbán Viktor, il capo del governo ungherese, nella consueta intervista radiofonica del venerdi a Radio Kossuth.
< La campagna di vaccinazione primaverile é stata efficace contro la variante britannica del covid. Ma
la variante delta, adesso in circolazione, è più aggressiva, si diffonde più velocemente e causa malattie più gravi.
La variante delta non sarebbe un problema in Ungheria se tutti fossimo vaccinati.
I vaccinati non sono in pericolo di vita, ma i non-vaccinati sono in pericolo di morte.
Il vaccino salva la vita.
Chiedo a tutti di vaccinarsi, perché il vaccino è l’unico modo per avere una protezione sicura dal virus>.

<Le misure protettive, come indossare una mascherina… rallentano la diffusione dell’epidemia, ma non proteggono dalle gravi complicazioni dell’infezione.

Il primo ministro ha sottolineato che il governo spinge costantemente per il vaccino, ma questo non é piú sufficiente.
Quindi sono necessarie anche azioni e iniziative da parte del mondo del lavoro.

L’epidemia si diffonde in modo diverso nelle diverse zone del paese, quindi abbiamo deciso di coinvolgere i datori di lavoro.
il datore di lavoro vede una diffusione più rapida del virus tra i suoi dipendenti, può ordinare la vaccinazione obbligatoria ai suoi dipendenti.
Se non possiamo rendere obbligatoria la vaccinazione, allora dobbiamo dare gli opportuni strumenti ai datori di lavoro>.

Alla domanda della sinistra che accusa il governo di voler trasferire la responsabilità ai datori di lavoro, Viktor Orbán ha risposto: <Ordinare una vaccinazione generale obbligatoria va oltre la tolleranza della popolazione, ma se il mondo del lavoro viene coinvolto, sará piú semplice convincere i non vaccinati>.
chi non é vaccinato, va in aspettativa non retribuita. Ora ci stiamo muovendo verso l’interno: tutti i dipendenti del governo dovranno affrontare il dilemma di vaccinarsi o di andare in congedo non retribuito.>

Orban Viktor parla di immigrazione

Orban Viktor parla di immigrazione e sottolinea che la recinzione del confine ungherese non protegge solo gli ungheresi.
La recinzione al confine ungherese protegge anche il resto dell’Europa.
É quindi giustificata la richiesta fatta a Bruxelles di pagare almeno una parte dei costi.

Il commissario svedese Ylva Johansson ha affermato che il successo nella lotta all’epidemia è dovuto alla migrazione.
Il premier Orbán Viktor afferma invece che la migrazione non frena, ma dá forza dell’epidemia.
Stiamo infatti assistendo ad un aumento dei casi nella parte occidentale dell’UE.

I burocrati di Bruxelles vedono la migrazione come una cosa positiva, perché pensano che sia questo di cui la società ha bisogno.
Pensano che le migrazioni ai confini meridionali siano buone.

Viktor Orbán ha affermato che ciò che è bene per l’Ungheria dovrebbe essere deciso dal popolo ungherese.
…non è una persona svedese a decidere con chi e come dovrebbero vivere gli ungheresi;

<Era il 2015, quando l’Ungheria ha iniziato questa battaglia contro l’immigrazione clandestina e ha deciso di costruire la recinzione al confine.
Ci hanno detto di tutto, che non siamo persone normali.
Sono passati sei anni da allora, e oggi insieme a noi ci sono: la Grecia, la Spagna, la Bulgaria, la Slovenia, la Lettonia, la Lituania e la Polonia.
Tutti questi paesi hanno costruito recinzioni al confine.
Anche i tedeschi e gli austriaci dicono che se la recinzione ungherese non esistesse, il numero di migranti nei loro paesi sarebbe molto più alto.
Quindi l’opinione ungherese che in precedenza era minoritaria, ora sta lentamente diventando una posizione di maggioranza.
Non abbiamo ancora vinto questa battaglia, ma è molto più vicina la vittoria che mai.
L’Ungheria ha sempre scelto un governo che portasse avanti questa istanza.>

Orban Viktor parla del caro energia

Orban Viktor parla del caro energia:
la politica climatica è responsabile dell’attuale aumento del 20-25% dei prezzi
>, ha sottolineato il primo ministro ungherese, riferendosi all’errata politica energetica dell’Unione.

<Quello che stanno facendo i burocrati di Bruxelles non è salvare, ma interferire inutilmente nella vita delle persone.
É possibile proteggere il clima facendo pagare il costo ad aziende inquinanti, responsabili della distruzione del clima.
Si dice che questi costi peseranno sul popolo, ma dipende da che tipo di governo il popolo sceglie.
In Ungheria, ad esempio, c’è un prezzo fisso per le spese generali, quindi anche se Bruxelles vuole trasferire questo aumento di spesa alle persone, in Ungheria non ci riusciranno finché saremo noi al governo.
I governi non sono completamente strumentali, possono fare molto> ha spiegato il Premier.

Il governo ungherese protegge famiglie e pensionati. E rimarrá cosí finché saremo al governo.

<Tuttavia, non c’è limite alla follia: Bruxelles sta ora escogitando un piano per tassare le case e le auto nell’UE. Sono previsti ulteriori aumenti dei prezzi. Una decisione su questo tema potrebbe essere presa al prossimo vertice UE previsto per dicembre.

Orban Viktor parla di crescita salariale e riduzione delle tasse

Durante l’intervista, Orbán Viktor ha anche parlato dei tagli alle spese generali.

Non è il governo che decide quanto dovrebbe essere il salario, ma un accordo tra i datori di lavoro e i dipendenti.
Se la crescita dei salari non è in linea con le opportunità commerciali, le aziende chiudono e questo porta alla disoccupazione.
I salari sono quindi fissati dai proprietari di capitali, dai dirigenti delle aziende insieme ai lavoratori.
Il governo aiuta a finalizzare questi accordi.

I sindacati chiedevano un aumento salariale elevato, del 20%.
Questo è un passo troppo grande, alzarlo in un solo anno del 20% è forse senza precedenti nella pratica internazionale.
Quindi il governo ha deciso di ridurre ulteriormente le tasse sulle imprese in cambio di un aumento dei salari.
Abbiamo concordato un significativo taglio delle tasse.
L’imposta sulle piccole imprese é scesa al 10% e l’imposta sui contributi sociali al 4%.
Il salario minimo è quindi di HUF 200.000 e il salario minimo garantito di HUF 260.000.

Leggete anche: Orban Viktor si vaccina con Sinopharm

Leggete anche: 7 buoni motivi per trasferirsi a Budapest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.